© Team Ineos

Ineos, Egan Bernal: “Nessuno può dire di essere il leader: se dovrò lavorare per Froome lo farò. Chris non si è arrabbiato per le mie parole”

Egan Bernal precisa che Chris Froome non si è mai arrabbiato con lui. Le dichiarazioni ambiziose del vincitore dell’ultimo Tour de France, infatti, sembrano essere state la goccia che ha fatto traboccare il vaso e portato Chris Froome alla decisione di abbandonare la squadra il prossimo anno. Tuttavia, il colombiano ci ha tenuto a sottolineare che tra lui e il compagno di squadra non c’è e non c’è mai stato alcun problema e che entrambi, come pure il terzo capitano (che però appare più sacrificabile) Geraint Thomas, sanno di dover essere a disposizione l’uno dell’altro.

Non è vero che Chris si è arrabbiato con me – ha dichiarato a El Tiempo – Quello che è successo è che quando se ne parlava, abbiamo parlato io, Chris e Geraint. Le dichiarazioni di Chris sono uscite dopo le mie e la gente ha pensato che fosse arrabbiato con me, ma non lo era. Non è mai stato arrabbiato con me per quello che ho detto. Siamo amici e vogliamo andare avanti, vogliamo vincere e la cosa importante è che vinca la squadra, noi siamo Ineos e chi deve vincere è Ineos”.

Appurato che Froome non ha problemi con la presenza di Bernal al Tour, è però lecito anche porsi la domanda opposta: Bernal è contento della presenza di Froome nella selezione Ineos?: “Sì, credo che lo farà con noi (il riferimento era a un possibile cambio di casacca prima della Grande Boucle – ndr). Si è parlato molto di questo. Io ho un rapporto molto molto buono con Chris, abbiamo corso tanto insieme, ma questo è un discorso delicato. Capisco la sua posizione, ma spero che corra con noi. Ha vinto quattro Tour, un Giro e due volte la Vuelta, sa molto di ciclismo, conosce il Tour ed è un uomo importante per il team”.

Il primo colombiano della storia a vincere il Tour si è detto poi pronto a mettersi a disposizione del britannico se la strada darà questa indicazione, certo che anche il compagno farebbe lo stesso: “ Sono nell’equilibrio giusto. Per ora stiamo andando bene, in questo momento non vale la pena andarsi a mettere in tutte queste chiacchiere. Quello che possiamo fare è che quando c’è una tappa di montagna dobbiamo spingere. Io, Chris e Geraint siamo molto sinceri tra noi. Quando vediamo che uno di noi sta meglio, lo aiutiamo. […] Nessuno può dire ‘Sono il leader’. Se dovrò lavorare per Chris lo farò, se lui dovrà abbandonare le sue speranze per aiutarmi lo farà, ne sono certo. E lo stesso vale per Geraint”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.