© Mitchelton - Scott

Giro dell’Appennino 2020, podio amaro per Robert Stannard: “L’obiettivo di oggi era vincere”

Robert Stannard ha confermato oggi con un brillante terzo posto al Giro dell’Appennino 2020 il suo ottimo stato di forma. Dopo il secondo posto di mercoledì nel Giro della Toscana, dietro al solo Fernando Gaviria (UAE Team Emirates), il giovane corridore australiano ribadisce il suo feeling con il nostro paese e con questi percorsi mossi, ma sperava sinceramente in qualcosa in più. Ai piedi del podio finale, in cui è salito dietro Ethan Hayter (Ineos Grenadiers) e Alessandro Covi (UAE Team Emirates), il portacolori della Mitchelton – Scott non si è dunque mostrato soddisfatto per il risultato ottenuto, contrariamente a quanto espresso pochi giorni fa.
“Oggi non sono contento – ha raccontato ai microfoni di SpazioCiclismo – È sempre bello salire sul podio, ma oggi l’obiettivo era un altro. Dopo il secondo posto nel Giro di Toscana volevo finalmente vincere e tutta la squadra ha fatto un grande lavoro tutto il giorno. Eravamo i più forti e i miei compagni hanno controllato la corsa, hanno chiuso sui fuggitivi e hanno tenuto controllato il gruppo nel finale. Mi hanno anche messo nella miglior condizione per la volata, ma non è andata come speravo”.
L’australiano, incalzato sul finale di gara, ci ha riassunto con lucidità cosa gli è mancato per centrare il successo: “Rispetto a mercoledì oggi l’arrivo era in leggera salita, ma la vera differenza l’ha fatta il percorso. Oggi era veramente duro e la fatica di tutte queste salite si è fatta sentire nel finale. Devo dire però che ho davvero una buona condizione e non vedo l’ora di correre ancora perché voglio riuscire a vincere al più presto”.
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.