© Sirotti

Riforma 2020, Gianni Savio scrive a David Lappartient: “La nostra attività è a rischio”

Gianni Savio si rivolge a David Lappartient per richiedere tutela alle squadre Professional. Elemento debole della Riforma 2020, le formazioni di seconda fascia rischiano di vedere fortemente ridimensionata la propria attività con l’arrivo del nuovo regolamento, in particolare per quanto riguarda la partecipazione alle corse WorldTour, specialmente ai Grandi Giri. Dalle attuali quattro WildCard, a disposizione degli organizzatori resterebbero infatti solamente due posti, con i primi due che sarebbero assegnati di diritto alle squadre con una migliore classifica (che potrebbero comunque rifiutare).

Una situazione di pericolo dunque per tutte quelle squadre, specialmente italiane e spagnole, che sopravvivono in buona parte grazie alla visibilità che offrono ai propri sponsor durante i propri GT di riferimento: Giro d’Italia e Vuelta a España. Un perdita che di conseguenza sarebbe importante per l’intero movimento, come sottolineato pochi giorni fa anche dalla Lega Ciclismo che ha presentato ricorso all’antitrust, visto il ruolo fondamentale che spesso queste squadre svolgono per molti corridori, preparandoli al salto verso il WorldTour. Vi proponiamo qui di seguito la lettera integrale scritta dal team manager piemontese al presidente UCI.

Egregio Presidente,

il Giro d’Italia 2019 si è appena concluso e, con ancora le immagini delle imprese dei nostri ragazzi negli occhi, mi rivolgo a lei per lanciare un appello, non solo in qualità di team manager dell’Androni Giocattoli-Sidermec ma anche quale grande appassionato di ciclismo.

Abbiamo partecipato a questa edizione del Giro d’Italia grazie a una delle quattro wild card a disposizione degli organizzatori e abbiamo onorato la Corsa Rosa ottenendo risultati degni di un team World Tour.

Ora però la nostra attività è a rischio perché non possiamo dare né agli attuali sponsor né a potenziali nuovi investitori la prospettiva di aspirare concretamente a una delle wild card in palio per il prossimo anno.

L’attuale proposta di riforma, che prevede che gli organizzatori dei Grandi Giri possano assegnare due sole wild card, risulterebbe assolutamente devastante per le squadre Professional, che rischierebbero così di scomparire.

Ma sono proprio le squadre Professional, dove i corridori vengono formati prima di approdare alle grandi squadre World Tour, a costituire il trampolino di lancio per giovani talenti.

Noi, per esempio, negli ultimi anni abbiamo scoperto e lanciato tra i professionisti tre corridori che sono poi passati al World Tour – Egan Bernal e Ivan Sosa alla Ineos e Davide Ballerini all’Astana – e quasi certamente Fausto Masnada, Mattia Cattaneo e Andrea Vendrame seguiranno le loro orme dopo tre stagioni in Androni Giocattoli-Sidermec. Un percorso seguito anche da altre formazioni Professional italiane e straniere.

E doveroso attribuire alle grandi squadre World Tour la giusta importanza, ma le chiedo di valutare la situazione delle Professional per dar loro la possibilità di sopravvivere.

Senza la tutela e l’intervento autorevole della Uci, squadre che oggi appassionano ed entusiasmano tanti tifosi rischierebbero di scomparire – insieme con gli organizzatori di numerose corse continentali – e sarebbe impedito a molti giovani meritevoli di dimostrare il loro talento per passare professionisti.

Grazie per l’attenzione.

Gianni Savio
team manager
Androni Giocattoli – Sidermec

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.