Giro d’Italia 2022, Wilco Kelderman incolpa i freni a disco per i problemi meccanici nella nona tappa: “Hanno surriscaldato i raggi, che sono collassati”

Wilco Kelderman se la prende con i freni a disco per il tempo perso nella nona tappa del Giro d’Italia 2022. Il corridore della Bora-hansgrohe, che sul traguardo del Blockhaus ha pagato quasi undici minuti di ritardo dal compagno di squadra Jai Hindley, uscendo di conseguenza di classifica, è stato infatti vittima di un problema meccanico lungo la discesa del Passo Lanciano, penultimo GPM di giornata. Il 31enne neerlandese è stato quindi costretto a cambiare bici, rientrando poi in gruppo ma fermandosi nuovamente poco prima della salita finale per cambiare nuovamente il mezzo; a quel punto, però, la corsa era ormai lanciata, e il terzo classificato del Giro 2020 non è più riuscito a riportarsi sui migliori.

Subito dopo l’arrivo, Kelderman ha spiegato l’accaduto ai microfoni di AD: “Durante la discesa della penultima salita ho rotto un raggio della mia ruota. Penso che i freni a disco siano diventati molto caldi e che i raggi si siano poi surriscaldati. Sono semplicemente collassati a causa della pressione, perché è stata una discesa molto veloce”.

A queste dichiarazioni ha però risposto nelle ultime ore Chris Wehan, category leader di Roval (il fornitore delle ruote utilizzate dalla Bora), che a Cyclingnews ha respinto le accuse di Kelderman: “Siamo in stretto contatto con la squadra e sembra che un impatto significativo abbia rotto un raggio e richiesto un cambio di ruota. Il surriscaldamento dei freni a disco non è un problema“.

Scegli la tua squadra al Fanta Tour de France! Montepremi minimo di 25.000 euro!
• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button