© Sirotti

Eolo-Kometa, Alessandro Fancellu racconta la sua stagione e guarda alla prossima: “L’esperienza accumulata in questo 2020 mi farà affrontare il 2021 con entusiasmo, curiosità e ambizione”

Nonostante abbia già assaggiato il professionismo negli scorsi mesi, quella 2021 sarà la prima vera stagione da pro’ per Alessandro Fancellu. Il corridore della Eolo-Kometa, formazione di cui ha fatto parte quest’anno e che dal prossimo anno passerà nella categoria Professional con licenza italiana, in questo tormentato 2020 ha infatti partecipato già a qualche corsa con i professionisti, nello specifico Vuelta a Murcia, Vuelta a Burgos e Tour of Antalya, quest’ultimo chiuso al terzo posto. Bronzo mondiale tra gli juniores nella gara in linea a Innsbruck 2018 (prova vinta da un certo Remco Evenepoel), il 20enne comasco è uno dei giovani talenti italiani più interessanti, potenzialmente con un futuro da corridore da gare a tappe.

Quest’anno non dimenticherò mai la mia prima corsa da professionista – ha dichiarato Fancellu in un’intervista apparsa sul sito della squadra – Ho iniziato la stagione alla Vuelta a Murcia, era la mia prima corsa contro i professionisti, e sarà sicuramente qualcosa che ricorderò per sempre. Sinceramente, mi aspettavo una stagione migliore. La partenza è stata buona, considerando soprattutto che ho avuto un infortunio al polso durante l’inverno. Dopo Antalya, il lockdown ha rovinato tutta la pianificazione che avevamo fatto durante l’inverno“.

“Quando la stagione è ripartita – ha proseguito il 20enne – mi sono sforzato di ritrovare la migliore condizione fisica. Alla Vuelta a Burgos mi sentivo bene, ma la mente era rivolta al Giro d’Italia U23, che era l’obiettivo principale della stagione. Arrivavo con buone sensazioni, mi sentivo fiducioso e pensavo che avrei potuto ottenere un buon risultato. Ma durante la seconda tappa sono caduto tre volte. È stata una tappa pazzesca, pioveva molto e la strada era molto scivolosa. Sembrava sapone. In molti sono andati a terra quel giorno…”.

Il promettente scalatore prosegue poi con il racconto di quel Giro U23: “Col passare dei giorni mi sentivo peggio, le gambe non giravano. Ogni giorno era peggio del precedente. Pensavo che la sensazione fosse dovuta alle cadute, ma la verità è che il peggioramento era generale. Dopo il Giro ho fatto dei test e il risultato è che mi ero ammalato. Ho cercato di riprendermi in vista del campionato italiano, ma non ce l’ho fatta. Sono rimasto sotto antibiotici per quindici giorni”.

Fancellu è ovviamente entusiasta del passaggio del team tra le formazioni Professional: “La squadra parteciperà a più corse e, più importante ancora, permetterà a tutti i corridori di mettersi in mostra. Personalmente è una notizia che mi esalta e mi motiva. E l’esperienza accumulata in questo 2020 mi farà affrontare il 2021 con entusiasmo, curiosità e ambizione”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.