© AFP

Campionati italiani 2020, Filippo Pozzato parla dell’evento di giugno: “Sarà moderno e intrigante”

Prima le corse le faceva, ora le organizza. Filippo Pozzato ha deciso di partire subito forte, assumendo il ruolo di locomotiva della macchina che metterà in scena i Campionati italiani 2020. Cronometro e prova in linea tricolore si disputeranno in Veneto, entrambe con partenza da Bassano del Grappa e arrivo a Cittadella. Mancano sei mesi (si corre il 19 e il 21 giugno), ma intorno all’evento ferve già l’attesa, anche perché il vincitore della Milano-Sanremo 2006 e complessivamente di 33 corse fra i professionisti, ha intenzione di non far mancare nulla ai tifosi e agli appassionati che sceglieranno di seguire la corsa dal vivo.

“La parte più rilevante della corsa sarà il circuito della Rosina – racconta proprio Pozzato in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport – I corridori lo affronteranno per 12 volte e ci passeranno ogni 20 minuti. Quella salita sarà come uno stadio, come il Vecchio Kwaremont del Giro delle Fiandre. Bici e spettacolo, luogo di passione e divertimento. Noi spesso critichiamo il nostro movimento, ma cosa facciamo? Ne ho parlato con Vincenzo Nibali, Elia Viviani, Matteo Trentin, Alberto Bettiol, i corridori di punta, e mi hanno assicurato il loro appoggio. Io voglio ridare al ciclismo quello che questo sport mi ha dato”.

Agonismo, quindi, ma non solo: “Offriremo un prodotto diverso dal passato. In cima alla Rosina ci sarà l’hospitality per Vip e sponsor, e metteremo degli spalti per gli spettatori alla base e a metà salita, con tre maxischermi. Ci sarà animazione, musica. L’elemento sportivo – le parole del 38enne vicentino – deve diventare un pretesto, abbiamo bisogno di eventi più moderni e intriganti”. Pozzato guarda anche più avanti: “Il Veneto, che è una delle culle del ciclismo, non ha più una grande corsa e noi vogliamo che questo Tricolore diventi una classica, che valorizzi un territorio pazzesco”.

Non mancheranno gli eventi collaterali, rispetto alle gare che indicheranno i successori di Filippo Ganna e Davide Formolo: “Le gare tricolore saranno una festa di educazione per i bambini, con corsi per la sicurezza stradale insieme alla Polizia. Penso all’inno nazionale cantato da un giovane interprete, ai fuochi d’artificio al momento della premiazione. Dare un servizio, invogliare a venire”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.