© UCI

Strade Bianche 2020, David Lappartient: “Ripartire dall’Italia per dare un messaggio positivo. Tutte le corse sono a rischio, anche il Tour”

Nessuno è immune. Una frase che in questo ultimo periodo abbiamo sentito tante volte e che si può applicare anche al ciclismo. Il presidente dell’UCI David Lappartient, infatti, intervistato dalla Gazzetta dello Sport in vista della nuova ripartenza del World Tour dalle Strade Bianche, ha ammesso che qualsiasi corsa deve essere considerata a rischio, persino il Tour de France. Nel discorso di Lappartient, poi, sono rientrati anche i mondiali di Aigle – Martigny, confermati nella data originaria sin da subito con una mossa che non è piaciuta a tanti addetti ai lavori, e per i quali non è previsto un piano B in caso di cancellazione della corsa.

“Il nostro sport è ancora vivo: altri sport hanno cancellato tutto mentre noi abbiamo un calendario di corse – ha dichiarato con orgoglio – L’Italia meritava di avere la Strade Bianche come prima World Tour della stagione perché è stata la prima nazione a essere colpita dal virus e ha sofferto tanto. Ora la situazione in Italia è migliore che in altri paesi e si può lanciare un messaggio positivo. […] I Mondiali sono confermati, ma non c’è un piano B nel caso le cose peggiorassero in Svizzera. Sappiamo che il rischio esiste, ogni corsa è a rischio, anche il Tour de France”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.