© Jumbo - Visma

Jumbo-Visma, Tom Dumoulin non ha ancora trovato la posizione ideale in bici: “Ma siamo vicini alla soluzione”

Tom Dumoulin non avrebbe ancora risolto i problemi che hanno condizionato il suo Tour de France 2020. Nel documentario “Codice Giallo” mandato in onda da NOS il corridore della Jumbo-Visma ha confessato che dei problemi al sovrassella, che non era stato reso noto all’esterno del team, l’aveva quasi spinto ad abbandonare la corsa. Alla fine dell’anno, però, stando a quanto raccontato dal ds Merijn Zeeman nello stesso documentario, il neerlandese non avrebbe ancora risolto il problema della posizione in sella. Nel 2021 il team passerà da bici Bianchi a Cervélo, ma anche i mezzi del costruttore canadese gli avevano causato problemi quando correva per la Sunweb.

Per questo motivo all’interno del teamcontinuano a lavorare per cercare una soluzione: “Tom ha cercato la posizione ideale per tutta la stagione – ha esordito Zeeman – All’inizio non avevamo realizzato la gravità del problema a causa, tra le altre cose, del problema intestinale di Tom. In quel periodo non c’era spazio nella sua testa per lavorare alla posizione in bici. Il problema si è ripresentato solo quando si stava preparando al Tour. Nel suo ultimo anno alla Sunweb Tom non è riuscito a trovare la posizione ideale anche su bici Cevélo”.

Tuttavia, la soluzione appare non troppo lontana: “In realtà il problema è sorto all’inizio del 2019. Mathieu Heijboer ha ingaggiato lo specialista basco Jon Iriberri e insieme nelle ultime settimane abbiamo lavorato con Tom per metterlo sulla bici in una posizione in grado di dargli un feeling ottimale. Siamo vicini alla soluzione”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *