© Sirotti

Ag2r Citroën, delineato il programma 2021 di Greg Van Avermaet, che ammette: “La partecipazione a Tokyo dipenderà dalle mie prestazioni”

Greg Van Avermaet inizia a pianificare la stagione 2021. Dopo aver presentato la nuova maglia della sua nuova formazione, l’Ag2r Citroën a cui è approdato dopo dieci anni di BMC/CCC, il 35enne ha risposto a diverse domande in una conferenza stampa virtuale riguardo la prossima annata. Se il campione olimpico di Rio 2016 cambierà squadra, non cambieranno però i suoi obiettivi, che come sempre saranno le classiche del Nord, in particolare il Giro delle Fiandre. Senza dimenticare ovviamente i Giochi Olimpici, a cui però non è ancora certo di partecipare nonostante sia appunto il campione in carica.

“Questo non è stato ancora discusso. Non con la squadra, nemmeno con l’allenatore della nazionale – ha dichiarato Van Avermaet – La partecipazione a Tokyo dipenderà dalle mie prestazioni. Ho l’esperienza di due partecipazioni e un titolo olimpico, questo gioca a mio favore. Ma le prestazioni sono importanti. Se non sarò abbastanza bravo per essere parte dei convocati, rimarrò a casa, è normale. Se raggiungerò il mio livello, la selezione sarà automatica”.

Il bersaglio principale per il prossimo anno (ma non solo) è, però, soprattutto uno: “L’obiettivo della mia carriera è sempre lo stesso: vincere il Giro delle Fiandre. Ma guardo anche a tutte le grandi gare come la Parigi-Roubaix, le monumento sono davvero importanti. Ma se devo scegliere una gara, è il Giro delle Fiandre”.

La concorrenza, però, sarà molta, a partire da quei due fenomeni che rispondono al nome di Mathieu Van der Poel e Wout Van Aert, primo e secondo quest’anno: “Non sarà facile. La cosa più importante saranno la mia condizione e il mio livello e, se avrò una buona squadra intorno a me, penso che sia possibile vincere. Wout e Mathieu sono grandi talenti, ma penso che sia ancora possibile batterli“.

Per quanto riguarda il programma per il prossimo anno, la stagione 2021 del belga dovrebbe partire da Vuelta Valenciana e Vuelta a Andalucia, per poi spostarsi sulle classiche: “Dopo l’Omloop Het Nieuwsblad e la Kuurne-Brussels-Kuurne, farò Strade Bianche e una tra Tirreno Adriatico e Parigi-Nizza, a seconda di come sarà il percorso. Poi le classiche fino all’Amstel Gold Race. C’è ancora un piccolo punto interrogativo sulla Liegi-Bastogne-Liegi, ma di solito non la faccio”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.