© Photogomez Sport

Jumbo-Visma, Primoz Roglic inizierà il 2021 dalla Parigi-Nizza. E sul vaccino: “Viaggiamo in tutto il mondo, dobbiamo essere i primi a farlo”

A margine della premiazione come Sportivo dell’Anno in Slovenia di ieri sera, è tornato a parlare Primoz Roglic. Il grande protagonista della stagione, autore di dodici vittorie tra cui Liegi-Bastogne-Liegi e Vuelta a España, sta facendo incetta di premi durante questa pausa invernale; oltre a quello assegnatogli ieri, infatti, il 31enne è stato premiato un paio di settimane fa con il Velo d’Or, mentre due giorni fa ha condiviso il premio di ciclista sloveno dell’anno con l’amico-rivale Tadej Pogacar (UAE Team Emirates). Partecipando a una conferenza stampa virtuale, il corridore della Jumbo-Visma ha risposto a diverse domande dei giornalisti, riportate da siol.net, iniziando anche a delineare il programma per la stagione 2021.

“Non è stato ancora deciso nulla, ma posso già dire che inizierò la stagione con la Parigi-Nizza e poi seguirò il programma dello scorso anno fino al Tour – ha dichiarato Roglic – Sarò in grado di rivelare i dettagli dopo che li avremo stabiliti con i direttori sportivi e lo staff”.

L’altro grande obiettivo del corridore sloveno sono i Giochi Olimpici di Tokyo: “Le Olimpiadi non contano tanto nel ciclismo quanto in altri sport, ma sono importanti per me, che vengo dagli sport invernali. Sicuramente voglio arrivarci nella migliore forma possibile, ma so che sarà estremamente difficile, dato che correrò il Tour. Non c’è molto tempo tra le due gare e ad entrambe bisogna presentarsi in forma ottimale”.

Per quanto riguarda i molti riconoscimenti ricevuti in questo periodo, il 31enne è ovviamente contento ma non si esalta: “Sono consapevole di tutto questo e considero un onore poter ricevere tutti questi premi, ma d’altra parte la responsabilità di giustificare tutti questi riconoscimenti nella pratica è grande. Gli allori e le statistiche andranno bene al termine della mia carriera, ora penso solo a ciò che mi aspetta il prossimo anno”.

Infine, una delle domande ha toccato il delicato tema del vaccino per il Covid-19, che ha fatto discutere negli scorsi giorni: “Non abbiamo ancora parlato di questo argomento in squadra, ma la mia opinione personale è che se c’è un vaccino, noi, come atleti e persone che viaggiano in tutto il mondo, dobbiamo essere i primi ad ottenerlo. Questa è la mia opinione personale, sarò in grado di dire di più dopo che avremo anche discusso questa situazione in squadra”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.