© Luis Angel Gomez/Photo Gomez

Vuelta a España 2019, cronometro positiva per Tadej Pogacar: “Ho avvertito ottime sensazioni”

Può ritenersi soddisfatto Tadej Pogacar al termine della decima tappa della Vuelta a España 2019. Il giovane portacolori della UAE Emirates ha sì concluso la cronometro odierna in undicesima posizione a un minuto e 29 secondi dal vincitore Primoz Roglic ma, dopo il capitano della Jumbo-Visma, è stato il migliore tra gli uomini di classifica al termine dei 36 chilometri della prova contro il tempo di Pau. Ora, il quasi 21enne è sempre quinto in classifica generale a più di tre minuti dal connazionale, ma si è avvicinato di molto alla zona podio, essendo adesso lontano meno di un minuto dal terzo posto.

“Era una cronometro difficile – esordisce Pogacar – ma ho avvertito ottime sensazioni che mi hanno permesso di spingere a fondo. Ho tirato un attimo il fiato nel tratto in discesa, poi ho tenuto un passo regolare sulla seconda ascesa, dato che ho capito che stavo perdendo efficacia di pedalata“.

Nonostante un finale in calando, il giovane talento può essere orgoglioso della sua prova, la prima corsa con la maglia di campione sloveno a cronometro: “Era un mio sogno vestire la maglia di campione nazionale in un Grande Giro e oggi ho l’ho realizzato vestendo il body da crono”. Infine, il corridore della UAE Emirates spende due parole anche sulla prova del connazionale della Jumbo-Visma, la cui vittoria non lo stupisce più di tanto: “La giornata era perfetta per Roglic, non è stata una sorpresa la sua grande prestazione”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.