© UAE Team Emirates / BettiniPhoto

Tour de France 2019, Fabio Aru stringe i denti: “Sono rimasto nel gruppo principale fino a che ho potuto”

Fabio Aru continua a testarsi al Tour de France 2019. Il sardo si mette alla prova anche oggi nella impegnativa Limoux-Foix, cercando di reggere il più a lungo possibile al ritmo di un gruppo lanciato in una tappa vissuta a grande andatura per tutto il giorno. Apparso in coda relativamente presto nella tappa, il corridore della UAE Team Emirates ha gestito bene le sue forze, riuscendo a reggere al ritmo della Jumbo-Visma sul Mur de Péguère, quando il gruppo era ormai ridotto ad appena 16 corridori. Nella salita conclusiva ha poi ceduto il passo fino a concludere in 26ª posizione, a 4’45” dal vincitore Simon Yates (Mitchelton-Scott), guadagnando così anche tre posizioni in classifica, risalendo in 17ª piazza a 14’15” dalla Maglia Gialla, sempre sulle spalle di Julian Alaphilippe (Deceuninck-QuickStep).

Una Grande Boucle sicuramente non appariscente la sua, ma che ne conferma la tenacia e il grande spirito di sacrificio per ritrovare il giusto colpo di pedale in vista del finale di stagione. “Tappa impegnativa disputata a un ritmo molto elevato – commenta dopo il traguardo – Sono rimasto nel gruppo principale fino a che ho potuto, ma non sono ancora al 100%”.

Nessun proclama chiaramente per le tappe che verranno, nella quale sono in molti a chiedergli, direttamente o indirettamente, qualche azione da protagonista. “Domani riposeremo e poi vedremo come affrontare l’ultima settimana“, conclude.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.