Operazione Aderlass, rianalizzati i campioni tra il 2013 e il 2019: nessun risultato anomalo rilevato

Nuovo capitolo dell’Operazione Aderlass. L’indagine avviata dalle autorità austriache ormai un anno e mezzo fa nell’ambito del doping nello sci di fondo, estesasi poi al ciclismo, ha visto coinvolti diversi atleti austriaci e non, tra i quali Stefan Denifl, Georg Preidler, Kristijan Koren, Borut Bozic Kristijan Durasek, portando a diverse squalifiche tra i corridori citati. Figura centrale dell’indagine è il medico Mark Schmidt, che di recente ha ammesso di aver aiutato a doparsi ben 150 atleti, con L’Unione Ciclistica Internazionale che ormai 12 mesi fa ha chiesto dunque al CADF (Cycling Anti-Doping Foundation) di rianalizzare i campioni prelevati tra il 2016 e il 2017, soprattutto considerando che, nel periodo in questione, circolava in gruppo una nuova sostanza proibita.

Due giorni fa sono infine arrivati i risultati delle rianalisi del CADF, che non si sono limitati al periodo richiesto dall’UCI ma hanno riguardato ben 800 campioni (100 analisi del sangue e 700 delle urine) tra il 2013 e il 2019, anche se la metà provenivano dalle annate 2016 e 2017. In nessuno di questi è stato rilevato un risultato anomalo, con i campioni che sono stati comunque nuovamente immagazzinati per la conservazione a lungo termine nel caso in futuro emergano nuove conoscenze scientifiche che permettano altre analisi più approfondite alla ricerca del doping.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.