Operazione Aderlass, Mark Schmidt confessa di aver aiutato a doparsi 150 atleti: “Ma non l’ho fatto per profitto e non ho messo a repentaglio la salute di nessuno”

Mark Schmidt conferma di aver praticato doping sanguineo su alcuni atleti. Il medico sportivo figura chiave dell’operazione Aderlass (rischia fino a dieci anni di carcere) ha ammesso al Tribunale di Monaco di aver aiutato atleti a doparsi sin dal 2012 (verosimilmente con una sostanza che avrebbe effetti simili a quelli dell’EPO). A contatto soprattutto con atleti di discipline invernali e ciclisti, Schmidt ha confessato di aver commesso fino a 150 violazioni, aggiungendo però, tramite i suoi avvocati, di non averlo fatto per un profitto e di non aver mai messo a repentaglio la salute dei proprio clienti.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.