Trek-Segafredo, Letizia Paternoster non si ferma: “Pedalerò più forte, così sentirò mal di gambe invece che al busto”

Letizia Paternoster tranquilla dopo la brutta caduta di Berlino. Finita a terra dopo essere stata travolta da una ciclista caduta nel velodromo tedesco, la trentina ha riportato fortunatamente solo contusioni ed escoriazioni, scongiurando fratture. Poteva andare dunque molto peggio e malgrado i medici abbiano prescritto un lungo riposo di 6-8 settimane, la ciclista della Trek – Segafredo è prontissima a ripartire, tanto che solo gli ordini del suo allenatore le hanno impedito di allenarsi già ieri. Tornata in Italia, la 19enne di Cles sarà dunque da giovedì in Svizzera con la Nazionale, per poi andare la prossima settimana a Londra, per la prossima manche di Coppa del Mondo, alla quale non vuole rinunciare.

“Spero tanto di esserci – spiega alla Gazzetta dello Sport – Il dolore alle coste? Pedalerò più forte, così sentirò mal di gambe invece che al busto“. Poi si vola in Sicilia per il primo ritiro con la nuova squadra, prima di un meritato ritorno a casa per le vacanze, al quale seguirà la prima corsa su strada dell’anno, con la partecipazione al Tour Down Under. Nel mezzo anche il trasloco, per non farsi mancare niente.

“Ho davvero temuto di essermi fratturata le coste e quello sarebbe stato un problema ben più grande – ammette – Di quando ero a terra, ho dei ricordi un po’ vaghi. Diciamo che è andata bene. Tutto a posto, sto bene. […] La paura non esiste. Non sono razionale. In bici sono istinto al cento per cento. Non penso mai e quando lo faccio…sbaglio”. Di fermarsi dunque non se ne parla per il gioiellino del ciclismo italiano, stella più lucente di un movimento giovanile che continua a regalare grandi soddisfazioni, su pista come su strada.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.