© Sirotti

Tour Down Under 2020, quattro fratture per il belga Ben Hermans: due mesi di stop

Prima gara della stagione e subito tanta sfortuna per Ben Hermans. Il belga della Israel Start-Up Nation è rimasto coinvolto nella maxi-caduta verificatasi nel finale della seconda tappa del Tour Down Under 2020. Con lui sono finiti a terra anche molti altri corridori, come Elia Viviani (Cofidis) e Simon Yates (Mitchelton-Scott), ma il 33enne belga è stato l’atleta che ha riportato le conseguenze peggiori. Per lui la corsa australiana è già finita e ci sono davanti diverse settimane di stop, a causa della serie di infortuni riportati dopo essere finito sull’asfalto, a poco meno di tre chilometri dall’arrivo della frazione vinta poi da Caleb Ewan.

Per Hermans sono quattro le fratture patite nell’occasione: clavicola, spalla (composta) e due costole. Il corridore belga è comunque giunto all’arrivo ma è stato poi trasportato in ospedale, dove gli sono stati riscontrati i danni riportati nella caduta. Stando a quanto riporta WielerFlits, il corridore della Israel Start Up Nation sarà sottoposto anche a una TAC per ulteriori accertamenti sulle sue condizioni.

Il quadro clinico del corridore di Hasselt è stato confermato anche dalla sua squadra, che ha precisato come il corridore tornerà in Belgio per sottoporsi alle necessarie operazioni chirurgiche. I tempi di recupero sono stimati intorno ai due mesi.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.