© Sirotti

Giro di Svizzera 2021, Richard Carapaz: “Pensavamo alla classifica, ma c’era la possibilità di vincere la tappa. Sono riuscito a fare entrambe le cose, sono molto felice”

Tappa e maglia per Richard Carapaz al Giro di Svizzera 2021. Il corridore della Ineos Grenadiers si è infatti imposto nella quinta frazione della corsa a tappe elvetica dopo aver attaccato a poco meno di quattro chilometri dal traguardo di Leukerbad, raggiungendo Jakob Fuglsang (Astana-Premier Tech), che si era avvantaggiato in precedenza, e battendolo nella volata a due decisiva. Grazie a questo risultato il 28enne l’ecuadoriano, tornato ad alzare le braccia al cielo a quasi un anno di distanza dall’ultima volta, ha conquistato la maglia di leader della gara, e ora guida la graduatoria generale con un vantaggio di 26″ sullo stesso Fuglsang.

“Sono davvero felice – le prime parole di Carapaz dopo l’arrivo – È qualcosa su cui abbiamo lavorato per tutta la settimana. Oggi sapevamo che era un giorno speciale. Volevamo pensare alla classifica generale ma ovviamente c’era la possibilità di vincere una tappa. Sono riuscito a fare entrambe le cose, quindi sono molto felice“.

“Sapevamo che tanti erano interessati alla classifica generale, in molti hanno fatto delle mosse – ha proseguito lo scalatore ecuadoriano – Io ho fatto il mio attacco al momento giusto e basta“. Un successo, questo, che sicuramente è di buon auspicio per il Tour de France: “Siamo venuti qui pensando di prepararci per il Tour. Certo, vogliamo vincere questa gara. L’obiettivo principale è il Tour ma se possiamo anche avere successo in questa corsa è perfetto“.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.