Vuelta a España 2021, Jacopo Guarnieri: “Il mio corpo ha detto stop. I momenti grigi passano, la voglia di rialzarsi no”

Jacopo Guarnieri abbandona anzitempo la Vuelta a España 2021. Il corridore della Groupama-FDJ si è ritirato ieri nelle prime fasi della tappa poi vinta da Damiano Caruso, al termine di una settimana difficile, in cui non sono arrivati i risultati sperati dal suo capitano Arnaud Démare. Per il corridore italiano questo è il secondo GT della stagione chiuso solo alla nona tappa, dopo essere finito fuori tempo massimo al Tour, proprio per scortare il velocista francese. Subito dopo il termine della tappa il classe ’87 ha spiegato di non riuscire a rendere come vorrebbe e di aver sofferto anche il caldo.

“Non riesco a rendere come vorrei – ha commentato dopo il ritiro – In questa stagione ci sono stati alti, bassi e bassissimi. Oggi abbiamo toccato temperature altissime e il mio corpo ha detto stop. Sono molto deluso perché il Tour e la Vuelta erano le due corse più importanti della seconda parte di stagione e non sono finite bene. Non sono soddisfatto e la Vuelta sfortunatamente finisce davvero troppo presto. È una grande delusione”.

Il piacentino, però, non vuole farsi abbattere dalle difficoltà e ha affidato un ulteriore pensiero ai suoi profili social: “Quando le cose possono andare male, a volte vanno malissimo. Un altro momento difficile in questa stagione complicata. Una cosa che il ciclismo ti insegna è rialzarsi. Sempre e comunque. I momenti grigi passano, la voglia di rialzarsi no”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Un commento

  1. Tutti parlano di tutto ma nessuno ascolta i disagi psicologici che hanno questi ragazzi,il ciclismo è diventato
    come una catena di montaggio che ti stritola e ti succhia.
    Tutti pensano a guadagnare,mi riferisco ai manager,i ragazzi corrono sempre nel pericolo e nessuno prende
    provvedimenti,e la stampa tace,solo il bravo Magrini ne parla spesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *