© ASO / Aurelien Vialatte

Tour de France 2021, quasi il 30% del montepremi è della UAE di Tadej Pogacar

Dominio UAE Team Emirates nel montepremi del Tour de France 2021. Con i tre successi di tappa, il trionfo finale (che da solo vale 500 mila euro) e la conquista anche di maglia a pois e maglia bianca, Tadej Pogacar ha portato nelle casse del team (e dei suoi compagni, che parteciperanno alla spartizione) un totale di 619.580 euro. Una cifra nettamente superiore a quella delle altre squadre, con la Jumbo – Visma che svetta comunque in seconda posizione grazie ai 359.520 euro incassati soprattutto con le quattro vittorie di tappa e con il secondo posto finale di Jonas Vingegaard (che vale 200.000 euro).

A chiudere il podio con 170.310 € è la Bahrain – Victorious, capace di imporsi nella classifica a squadre, oltre che in tre tappe grazie a Matej Mohoric e Dylan Teuns, ottenendo anche piazzamenti in classifica generale con Pello Bilbao e nelle varie classifiche accessorie grazie a Wout Poels e Sonny Colbrelli. Quarta la Deceuninck – QuickStep della Maglia Verde Mark Cavendish, che ha portato anche in dotazione quattro delle cinque vittorie complessive del team, capace anche grazie a Julian Alaphilippe di passare un giorno in Maglia Gialla.

Fanalino di coda è invece la Qhubeka – Nexthash, che in 21 giorni di corsa incassa appena 11.650 euro. Non molto meglio il Team DSM, che torna a casa con 13.950 euro, dei quali quasi un terzo parte in multe comminate dalla giuria dei commissari UCI.

Premi Tour de France 2021

UAE Team Emirates: 619.580 Euro
Jumbo – Visma: 359.520 Euro
Bahrain Victorious: 170.310 Euro
Deceuninck – Quick – Step: 149.690 Euro
INEOS Grenadiers: 134.590 Euro
AG2R Citroën Team: 121.230 Euro
BORA – hansgrohe: 109.370 Euro
Alpecin – Fenix ​​– 81.180 Euro
EF Education – Nippo: 69.610 Euro
Trek – Segafredo: 62.390 Euro
Movistar: 50.140 Euro
BikeExchange: 44.610 Euro
B&B Hotels: 39.190 Euro
Groupama – FDJ: 36.000 Euro
Astana – Premier Tech: 35.420 Euro
Cofidis: 34.390 Euro
Arkéa – Samsic: 32.430 Euro
Israel Start-Up Nation: 24.870 Euro
Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux: 24.230 Euro
Lotto Soudal: 23.640 Euro
Team TotalEnergies: 21.960 Euro
Team DSM: 13.450 Euro
Qhubeka – NextHash: 11.650 Euro
TOTALE: 2.269.450 €

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Un commento

  1. Gianfranco Di Pretoro

    IL TOUR DI TADEJ POGACAR RILANCERA’ IL CICLISMO ?

    Il Tour 2021 è stato stravinto dallo sloveno TADEJ POGACAR(Foto 1-2).Il ragazzo, appena ventitreenne, ha un motore eccezionale che gli permette di districarsi nelle varie fasi di gara ed un recupero fuori del comune per le corse a tappe.In questi giorni mi sono meravigliato della sua disponibilita’ verso i media,della simpatia che gode nella squadra e nel gruppo.Sa’ quello che vuole,sa’ gestire i momenti difficili .In lui traspare un’infanzia serena,un avviamento allo sport non esasperato.Quando la maglia gialla spende le sue energie per rincorrere e fermare due fuggitivi mentre gran parte del gruppo e’ finito a terra,ci troviamo di fronte ad un super ciclista,un uomo leader!
    In questi ultimi anni la Slovenia sta’ sfornando vari campioni nel ciclismo(T.Pogacar,P.Roglic,M.Mohoric,J.Polanc) ed in altri sport(L.Doncic ecc.).Il merito va’ al Governo che ha messo la pratica sportiva giovanile al centro del futuro nazionale.I ragazzi sono consigliati alla pratica sportiva piu’ congeniale con test specifici.La scuola ha capito che lo sport agonistico con le sue regole,migliora l’armonia tra corpo e mente.L’importante è facilitare il doppio impegno giovanile con rispettose facilitazioni.
    E l’Italia che fa’?Parte forte con gli sport scolastici attraverso la palla,poi,con l’adolescenza, genera un popolo di spettatori che riprendera’ la pratica sportiva solo nell’eta’ matura o per i chili di troppo(Foto 3 ).Il ciclismo agonistico è tra gli sport adolescenziali piu’ penalizzati a causa delle ore di allenamento, dei numerosi pericoli stradali e dell’alto costo di gestione(bici,viaggi ecc.).Eppure,questa attivita’, ha tutto quello che gli adolescenti desiderano:la velocita’,l’avventura,la socializzazione.Le corse poi,sono il miglior veicolo a costi irrisori per conoscere il paesaggio e vivere “grande Italia”,quella della cultura,dell’arte,dei prodotti di qualita’,altro che palleggio rimbombante in un luogo chiuso.Tante volte ho tracciato la strada della rinascita ciclistica ma tutto procede troppo lento.Di seguito,sottolineo ancora una volta, le pietre miliari per un ciclismo piu’ appetibile:

    1°Educazione stradale concreta.Non solo la gincana nel cortile scolastico ma un giro nella citta’ accompagnati nell’interno delle bike lanes.Foto 4

    2°Piu’ ciclodromi nelle Grandi Citta’(Foto 5).Da anni ne chiedo almeno 4 per Roma Capitale .Costerebbero complessivamente 3-4 milioni di Euro,non certo i 40 del polo notatorio di Ostia.Troppe bici sono in cantina.Non meno importanti è la costruzione di due,tre velodromi nel “centro sud” come quello sloveno di Novo Mesto(Foto 6).

    3°Fuori citta’,per gran parte delle tipologie di allenamenti,sono necessarie le Ciclovie separate dalla viabilita’ ordinaria(Foto 7) anche se un ottimo compromesso a costo ridotto, sono le corsie ciclistiche che chiamo di rispetto(Foto 8).

    4°Visto l’alto costo di gestione del ciclismo agonistico,sollecito il contributo statale ed un piccolo prelievo di solidarieta’ dal tesseramento amatoriale per le societa’ sportive agonistiche giovanili,in particolare per le categorie Esordienti,Allievi e Juniores di eta’ compresa dai 14 ai 18 anni.La ripartizione di questo fondo dovra’ basarsi sull’attivita’ svolta ovvero il numero di atleti partenti alle gare ed i chilometri percorsi per raggiungerle dalla sede societaria(Foto 9-10).

    5°Una tiratina di orecchie la devo dare agli organizzatori delle gare spesso troppo monotone e prevedibili.Dobbiamo vivacizzarle quando non ci sono le salite scompaginando le tattiche delle squadre.Ottimo la riduzione dei chilometri di gara ma non basta.Ci vogliono piu’ traguardi volanti a premi nelle gare in linea e con abbuoni “suonanti” in quelle a tappe.Capito!

    6°In considerazione di quello che da’ il ciclismo per l’immagine del territorio,sarei orgoglioso che il politico,ogni tanto,come al GIRO, faccia visita alla gara e stringa la mano a tutti i concorrenti come fece il Presidente francese Charles de Gaulle nel Tour 1960(Foto 11) ed i successori continuano a fare tutt’oggi.Utopia,no di certo!

    Gianfranco Di Pretoro

    Federazione Ciclistica Italiana Lazio
    Responsabile piste ciclabili e sicurezza

    Allegate 11 foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.