Bora-Hansgrohe, Nils Politt e la splendida vittoria al Tour de France: “Un sogno d’infanzia che si realizza”

Un’annata da ricordare per Nils Politt. Il corridore della Bora-Hansgrohe, intervistato dalla rivista Radsport, si è soffermato sulla stagione appena conclusa analizzando le sue prestazioni. Al suo primo anno nella formazione teutonica, il classe 1994, ha ottenuto la sua prima vittoria in un GT, e una tappa al Giro di Germania dove ha conquistato anche la classifica generale. Dopo 3 anni di digiuno (risale al 2018 la sua ultima e fino a quest’anno unica vittoria da professionista) finalmente il ventisettenne ha messo a frutto il potenziale che molte volte in precedenza aveva mostrato di avere.

Un Tour de France corso all’attacco, sfruttando a pieno le sue doti da cronoman, lo hanno portato verso il successo nella frazione con arrivo a Nimes: “Un successo unico, un sogno d’infanzia che si realizza. É stato un giorno che mi ha regalato molti ricordi che non dimenticherò per tutta la vita” ha raccontato il tedesco ripensando a quella giornata. Per Politt la positività della stagione non è dovuta soltanto a questa vittoria ma a una lunga serie di piazzamenti che danno conferma delle sue potenzialità: “Molto molto positiva. Sono cresciuto ancora, ho corso molto forte e con costanza durante la stagione con molti piazzamenti e più di di una sola vittoria”.

Il tedesco, oltre alla vittoria al Tour de France, dà larga importanza anche alla conquista del Giro di Germania, corsa di casa: “Adesso finalmente ho vinto la mia prima corsa a tappe, e l’ho fatto nel mio paese. É stato veramente un weekend fantastico”.

Unica pecca della stagione cui guarda con un filo di rammarico è la Parigi-Roubaix dove nel 2019 arrivò secondo: “Dopo la ricognizione ho avuto il raffreddore, sono andato in gara in condizione pessima – spiega il tedesco – Bisogna conviverci con giorni così, io l’ho già dimenticato e non vedo l’ora che arrivi la prossima Roubaix”.

Nel 2022 il ventisettenne ritroverà il suo ex tecnico Tortsten Schmidt: “Tortsten è un confidente assoluto per me. Mi fa stare bene. Ha molta esperienza nelle classiche dove ha già vinto con Cancellara e Kristoff”.

C’è spazio anche per due parole sull’ex compagno Peter Sagan di cui Politt non sa dire se il suo trasferimento possa avvantaggiarlo nella ricerca di vittorie: “Mi trovavo molto bene con Peter, è stato divertente correre con lui”

Partecipa al Fanta Giro d'Italia e scegli la tua squadra per la 16ª tappa. Montepremi minimo di 500 euro!

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button