Giro d’Italia 2019, creata una zona per cambiare bici prima del San Luca

Cambio di bici al vaglio per la cronoscalata del Giro d’Italia 2019. In realtà, non è tanto il cambio di bici a cui i corridori stanno pensando, quanto piuttosto l’UCI sta valutando in queste ore la possibilità di permettere in una apposita zona, come successo al Mondiale di Bergen 2017. Senza questa possibilità, l’unica alternativa sarebbe prendere la bici dall’ammiraglia, come da regolamento, ma ovviamente in una prova così breve il gioco non vale la candela, con la perdita di tempo per effettuare l’operazione che non verrebbe compensata dal beneficio in salita.

Diverso ovviamente il discorso nel caso in cui venisse adibita una area di “pit-stop” in cui poter effettuare l’operazione. Con colpevole ritardo, considerando che son sei mesi che si conosce il percorso in maniera dettagliata, i commissari UCI stanno infatti vagliando questa opzione (con l’inserimento di una zona regolamentata ai piedi del San Luca), consentendo così ai corridori di valutare concretamente la possibilità. Se al momento molti dei big non sembrano intenzionati ad effettuare il cambio, avere la bici già pronta permetterebbe infatti un risparmio di tempo importante e potrebbe dunque permettere di rivalutare la propria decisione.

AGGIORNAMENTO ORE 16:30: Secondo quanto riportava De Limburger, era stata confermata da RCS Sport la creazione di una zona apposita per poter cambiare bici. Dopo un sopralluogo da parte degli organizzatori, è stato deciso di aggiungere questa importante possibilità per squadre e corridori, che possono dunque ora valutare diversamente l’eventuale cambio di bici. L’area verrà creata 150 metri prima dell’inizio della salita, quindi in un tratto in cui si arriva a grandi velocità, potenzialmente perdendo così lo slancio finale all’approccio delle prime rampe, come fanno notare alcuni corridori.

AGGIORNAMENTO ORE 17:30: Il comunicato emesso da RCS Sport chiarisce meglio (anche se sembra lasciare qualche zona grigia) le modalità di questo cambio di bici, che non sembra dunque essere completamente come sembrava inizialmente, con una area adibita al cambio, ma senza la possibilità di usufruire di un apposito box dove fare il cambio in velocità.

“È consentito il cambio bicicletta, unicamente sul lato destro della strada, fino a 50 metri prima dell’inizio della salita di San Luca, in prossimità del pannello “Fine Cambio Bici’ – si legge nel comunicato di RCS – Durante il cambio bicicletta, è consentita la spinta da parte di un meccanico, per una lunghezza massima di 10 metri. Il cambio bicicletta è autorizzato unicamente dalla vettura DS che segue il corridore, come comunicato nella riunione tecnica. Un commissario sarà presente sul posto per la verifica del cambio bici”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.