© Sirotti

Corendon-Circus, Mathieu van der Poel respinge le offerte: “Sono sotto contratto sino al 2023”

Mathieu van der Poel rifiuta i suoi corteggiatori. Dopo il suo eccezionale esordio su strada fra i grandi (quest’anno è la sua prima vera stagione nella disciplina in cui prende parte a corse di primo piano), il fenomeno neerlandese è chiaramente tra i corridori più richiesti del CicloMercato. Punto di riferimento sostanzialmente unico della Corendon – Circus, il dominatore della stagione di ciclocross, tra i migliori al mondo anche in MTB e ora su strada, tuttavia allontana qualsiasi richiesta nei suoi confronti ricordando di avere un accordo di lungo termine con la sua attuale squadra, che sta crescendo intorno a lui.

Molte squadre hanno effettivamente preso contatto – ammette in conferenza stampa – Anche alcune delle formazioni più grandi, ma non voglio fare nomi. Patrick Lefevere conosce mio padre, quindi è logico ci siano stati contatti. Ma ho fatto sapere a tutte le squadre che dovranno aspettare perché io sono sotto contratto fino al 2023“.

Il 24enne figlio e nipote d’arte ha le idee molto chiare su quello che vuole fare e sa che nella sua attuale squadre ha anche la libertà di muoversi come più gli piace, spaziando fra le varie discipline, ciclocross su tutte. “Penso sia una buona preparazione, che mi permette di essere esplosivo – conferma in merito – E se riesci a combinarlo con un allenamento sulal resistenza viene fuori un bel mix”.

Vincitore quest’anno a Dwars Door Vlaanderen, GP Denain, Freccia del Brabante, oltre che tappe al Tour of Antalya e Circuit de la Sarthe, con prestazioni di assoluto spessore come in occasione del Giro delle Fiandre, MVDP come è ormai ampiamente conosciuto, secondo buona parte degli osservatori, si presenta al via della Amstel Gold Race come il corridore da battere. Una definizione che tuttavia rifugge: “Mi sembra esagerato presentarmi come il grande favorito – risponde – Anche se effettivamente è uno dei miei grandi obiettivi…”

Il peso dei pronostici dunque lo respinge e lo consegna a Julian Alaphilippe. “Attualmente è il corridore più forte in gruppo – osserva – Direi anche che sarà molto difficile per me superarlo in una corsa di 158 chilometri con 35 côtes. La mia altezza (184cm) e il mio peso (75kg) non mi aiutano”. Tranquillo per una stagione che comunque andrà è già un trionfo, Mathieu Van Der Poel si presenta comunque al via della Amstel Gold Race 2019 per ottenere il massimo possibile: “D’altro canto, le mie vittorie mi hanno dato grande fiducia e mi sento sereno. Il che mi permette di prendere le decisioni giuste in corsa. Inoltre, non mi sento per niente stanco…”

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Crea la tua squadra ideale per la 11ª tappa del Giro 2019 e vinci 78€!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.