© Sirotti

Operazione Aderlass, iniziato il processo a Stefan Denifl: “Non sono un criminale, senza doping non avrei avuto un contratto”

Iniziato oggi il processo a Stefan Denifl. Il corridore austriaco coinvolto nell’Operazione Aderlass e già squalificato per quattro anni si è dovuto presentare quest’oggi al tribunale di Innsbruck, dove ha ammesso ancora una volta di aver fatto uso di trasfusioni. Il trentaduenne, che si è visto cancellare tutti i risultati ottenuti tra il 2014 e il 2019, ha rivelato di aver fatto ricorso a pratiche illecite per mantenere un livello che altrimenti non sarebbe stato più in grado di tenere. Il trentaduenne ha poi rincarato la dose dichiarando che le squadre sarebbero a conoscenza di queste pratiche e che se non si fosse dopato sarebbe rimasto senza contratto.

Non sono un criminale – ha provato a giustificarsi il corridore che però rischia ora anche una pena detentiva da uno fino a dieci anni per aver anche usato impropriamente i fondi degli sponsor – Volevo raggiungere il mio vecchio livello, ma senza doping non potevo farlo. Senza doping non avrei avuto un contratto”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.