© PhotoGomezSport

Movistar, Annemiek Van Vleuten torna in bici dopo 15 giorni dalla frattura alla Roubaix

 

Annemiek Van Vleuten è già tornata in bici. A meno di quindici giorni dall’operazione all’osso pubico, dopo la caduta nel corso della prima storica Parigi-Roubaix femminile vinta da Lizzie Deignan, la neerlandese ha già cominciato il suo recupero e, soprattutto, è già risalita in sella. Come lei stessa ha rivelato tramite il suo sito internet, l’atleta della Movistar la scorsa settimana è uscito per un giro in bici e pur ammettendo di essersi sentita esausta dopo 16 chilometri, ha anche sottolineato che tutto sembra procedere per il meglio, come le hanno confermato anche i medici nell’ultima visita di controllo.

“Sono uscita tre volte per fare un giro sulla mia city bike – ha esordito – Lì posso sedermi dritta e su una sella talmente morbida e larga che non ho provato dolore. Martedì scorso ho fatto la mia prima uscita. Dopo 16 chilometri ero esausta, ma ha funzionato! Il dolore mi guida ancora in ciò che posso e non posso fare, ma finché non sento dolore posso muovermi e fare carico. Tutto sembra a posto e i medici sono fiducioso che io possa recuperare completamente senza alcun problema. Molte persone mi dicono che sto recuperando molto in fretta, ma questo è vero solo in parte. C’è un semplice periodo di riposo che va dalle quattro alle sei settimane per ogni frattura ossea e questa finestra temporale è valida anche per me. Io posso essere un po’ più motivata e con meno divieti nel fare esercizio appena possibile, ma responsabilmente”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *