© Sirotti

Yorkshire 2019, Michael Matthews: “A volte per vincere devi essere disposto a perdere”

Michael Matthews è pronto a giocarsi le sue carte a Yorkshire 2019. L’australiano, forte di una formazione totalmente costruita intorno a lui, vuole continuare a regalare successi al suo paese, dopo la vittoria del connazionale Rohan Dennis nella prova a cronometro. Il corridore della Sunweb, giunto in Gran Bretagna in ottima forma sulla scia del successo ottenuto all’ultimo GP de Québec, ha dichiarato che per vincere questo mondiale bisogna anche essere disposti a perderlo. Le dichiarazioni del corridore ventinovenne dunque lasciano presagire intenzioni battagliere, anche se lui stesso è consapevole di poter essere considerato uno dei favoriti anche in caso di un arrivo allo sprint.

“A volte per vincere la gara devi essere disposto a perderla – ha dichiarato Matthews a CyclingNews Molte volte ho avuto paura di perdere e così sono finito secondo. […] So che dovrò spingere più che gestirmi e non aspettare troppo, quando per un’intera carriera ti dicono di aspettare lo sprint, è che quella è la tua migliore possibilità per vincere la corsa, diventa poi difficile attaccare al momento”.

L’australiano ha poi commentato il tipo di gara che si aspetta e ha spiegato che è pronto a non ripetere gli stessi errori commessi: “Molti corridori proveranno ad arrivare da soli o al massimo in due, perché avrebbero più possibilità rispetto a un arrivo in volata. Questo aprirà la corsa a molti attacchi e spero di avere le gambe per fare la differenza. Non sono qui per attacchi televisivi, sono qui per vincere la gara. Credo che in alcuni mondiali ho preso delle decisioni sbagliate. Devo conviverci, ma ho lavorato molto sul restare concentrato in quei momenti di tensione e provare a portare a casa il risultato”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.