Vuelta a España 2023, Remco Evenepoel: “Se questa è stata una giornata storta, non è andata così male”

Giornata difficile per Remco Evenepoel alla Vuelta a España 2023. Il belga della Soudal Quick-Step ha sofferto nel corso della sesta frazione e non è riuscito a replicare all’attacco da parte degli uomini della Jumbo-Visma. Il belga, infatti, non ha risposto all’attacco lanciato da parte di Primoz Roglic, raggiunto poi dal compagno Jonas Vingegaard, pagando così sul traguardo 32 secondi nei confronti della coppia della formazione giallonera. Tuttavia, l’ex Maglia Rossa è riuscito a conservare praticamente immutato il distacco pagato inizialmente con un finale comunque combattivo. Nonostante le difficoltà è ancora davanti, seppur di poco, agli altri big della generale.

“Mi sentivo abbastanza bene, ma non sono stato in grado di alzare il ritmo quando gli altri son partiti – ha spiegato ai nostri microfoni dopo la fine della tappa – Sono quindi dovuto salire del mio ritmo e alla fine era 30 secondi più lento di quello dei migliori. Non mi sentivo di poter dare tutto oggi, ho dovuto fare uno sforzo controllato, sapevo di non poter andare oltre i limiti. A volte capitano giornate così, oggi è toccato a me non avere le gambe migliori”.

“Negli ultimi due chilometri sono riuscito ad accelerare – ha continuato – Il che è stato anche strano per me, prima ho avuto un momento duro, la corsa è stata dura sin dall’inizio. Gestendomi sono riuscito ad avere ancora qualcosa nei due chilometri finali e anche nei 500 metri conclusivi sentivo di avere ancora qualcosa. Diciamo che se questa è stata una giornata storta, non è andata male”.

“Inizialmente non mi sentivo male, ho sentito le gambe diventare pesanti quando il gruppone è partito, la corsa era già decisa. Speriamo sia stata la giornata storta in due settimane”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio