Giro dei Paesi Baschi 2024, Remco Evenepoel sfiora il podio nonostante una scivolata: “È stato un mio errore. Ma Roglic è andato molto forte”

Remco Evenepoel non cerca scuse per la caduta nella cronometro inaugurale del Giro dei Paesi Baschi 2024. Il campione del mondo delle prove contro il tempo è infatti scivolato in una curva poche centinaia di metri dopo essere sceso dalla pedana di partenza, ma è ripartito velocemente ed è comunque riuscito a concludere i dieci chilometri in programma sulle strade di Irun con un ottimo tempo. Il belga della Soudal-QuickStep ha infatti chiuso al quarto posto con un ritardo di 11″ dal vincitore Primoz Roglic (Bora-hansgrohe), contenendo quindi il distacco dallo sloveno e guadagnando anche 4″ sull’altro principale contendente per il successo finale, Jonas Vingegaard (Visma | Lease a Bike).

Tutto è andato bene fino ai primi 200 metri, poi sono finito a terra – le parole di Evenepoel ai nostri microfoni dopo l’arrivo – È stata una caduta un po’ stupida, penso che sia stato un mio errore, ho piegato troppo la bici in curva. Era una parte scivolosa della città. Lo vedevo anche sulle mie gambe e sulle mie mani, era tutto nero per il grasso, quindi penso che sia colpa mia, un mio rischio. Sarà per la prossima”.

“Ovviamente speravo di essere un po’ più avanti dopo oggi, ma penso che la mia caduta sia stata sfortunata e questo ha fatto sì che ora sono un po’ indietro. Ma Roglic è andato molto forte“, ha proseguito il 24enne, che ora guarda alle prossime tappe per provare a recuperare terreno sullo sloveno: “Penso che siamo tutti vicini e da domani in avanti sarà una grande gara. Forse domani non è l’occasione migliore per vedere dei distacchi, ma penso che da ora in poi la gara inizierà davvero. Speriamo che la sfortuna sia finita per noi e di poterci concentrarci sui buoni risultati da domani“.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio