© Mario Stiehl

E3 Harelbeke 2020, presentato il percorso

Annunciato il percorso della E3 Harelbeke 2020. La corsa come da tradizione partirà e arriverà ad Harelbeke, al termine stavolta di un percorso di 203,4 km, solo 500 metri in meno rispetto allo scorso anno. Rispetto all’edizione 2019, quando a trionfare fu Zdenek Stybar, ci sarà un muro in più rispetto allo scorso anno, portando il totale a 16. Si conferma dunque una prova dura, per specialisti del pavé e degli strappi, con una costante alternanza di difficoltà e la necessità di non abbassare mai la guardia. Un primo grande test per il Giro delle Fiandre.

Percorso E3 Harelbeke 2020

Il primo muro sarà il Katteberg (750 m al 6%) che i corridori incontreranno dopo 28 chilometri. Al termine dei primi cento chilometri i corridori avranno poi affrontato anche La Houppe, Kanarebierg (novità rispetto allo scorso anno) e Hogerlucht.

Da quel momento si comincerà a fare sul serio, andando ad affrontare in successione Knokteberg (1,2 km al 7%), Hotondeberg (1,2 km al 4%) e soprattutto Kortekeer (1 km al 6,4% con punte del 17%) e Taaienberg (700 m al 6,3% con punte del 16%), che nonostante la sua breve lunghezza è spesso stato il muro in cui la corsa è entrata nel vivo. Nei sessante chilometri successivi verranno poi affrontati Berg Ten Stene, Boigneberg e Stationberg, che serviranno a fare da antipasto a tre dei muri più iconici delle Fiandre.

Ad aprire le danze sarà il Kapelberg (750 m al 7,1% con punte del 14%), che anticiperà di pochi chilometri un’accoppiata letale composta da Paterberg (400 m al 12,9% con punte del 20%) e Vecchio Kwaremont (2,2 km al 4% con punte dell’11,6% e con una parte finale costantemente sopra il 10%). A quel punto mancheranno  pochi chilometri per raggiungere i 170 chilometri di corsa, superati i quali i corridori incotreranno il penultimo muro di giornata, il Karnemelkbeekstraat (1,5 km al 4,9% con punte del 18%), che spesso è risultato decisivo in passato sia come trampolino di lancio verso la vittoria che come colpo di grazia verso i corridori che a fatica avevano resistito agli strappi precedenti.

L’ultimo muro sarà invece il Tiegemberg (750 m al 5,6% con muri del 9%) al termine del quale mancheranno 20 km di pianura, dove però visto l’enorme sforzo accumulato potrebbe essere ormai troppo tardi per fare la differenza. Il traguardo, come detto, sarà ad Harelbeke e porrà fine a una gara decisiva per testare la condizione in vista del Giro delle Fiandre, come accaduto nel 2019 per Alberto Bettiol.

Planimetria E3 Harelbeke 2020

 

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.