© LaPresse - D'Alberto / Ferrari / Paolone / Alpozzi

Giro d’Italia 2019, Yates: “In salita non ne avevo più… Ora dobbiamo inventarci un nuovo piano”

È Simon Yates lo sconfitto di giornata al Giro d’Italia 2019. Il capitano della Mitchelton – Scott non è colui che ha perso di più da Primoz Roglic (Jumbo-Visma), ma, considerando le sua ambizioni alla partenza, una sua débacle così netta non era assolutamente prevista. Il 31° tempo ottenuto oggi in 55’03”, a 3’11” dal vincitore di giornata, lo porta ora a un ritardo complessivo di 3’46” dallo sloveno. Un gap importante che certamente il britannico non si aspettava e che a questo punto lo costringerà a cambiare i suoi piani per le prossime due settimane.

“Stava andando tutto bene nella parte in pianura, ma quando poi ho provato a forzare una volta che siamo arrivati al tratto in salita non ne avevo più – commenta amaramente – Non so cosa sia successo, a volte va così… Ora dobbiamo inventarci un nuovo piano, una strategia, e ripartire da quello”.

Partito con più calma e meno spavaldo rispetto alla passata stagione, correndo in maniera più accorta e parsimoniosa, il vincitore della scorsa Vuelta a España ha fatto tesoro dell’esperienza passata, ma stavolta qualcosa non ha funzionato e non ha potuto farci niente. Ovviamente, comunque, come ha vissuto a sue spese lo scorso anno, anche un vantaggio importante può essere sovvertito, fosse anche con una sola tappa.

La corsa è ancora lunga – aggiunge – Prima di oggi avevamo fatto un solo vero sforzo, ed era nel prologo, poi da allora gli altri giorni son stati tutti di pianura, restando a ruota. Non vedo l’ora di arrivare finalmente alle montagne, che saranno sempre di più, per vedere cosa possiamo fare”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.