© Sirotti

Giro d’Italia 2019, Alexis Vuillermoz finisce nel fossato sul Mortirolo dopo una violenta crisi d’asma

Giornata di calvario ieri per Alexis Vuillermoz al Giro d’Italia 2019. Il corridore della Ag2r La Mondiale, formazione che ha visto l’altro capitano Tony Gallopin salutare la corsa, ha infatti vissuto una giornata durissima per colpa di una violenta crisi d’asma che gli ha fatto perdere il controllo della bici, tanto da cadere e finire in un fossato a bordo strada mentre affrontava il Mortirolo. L’incidente è avvenuto lontano dalle telecamere, ma è stato lui stesso a raccontarne i dettagli una volta riuscito a portare a termine la tappa, 117° al traguardo con un ritardo di 32’47” dal vincitore Giulio Ciccone (Trek-Segafredo), dovendo così dire addio a tutte le sue ambizioni di classifica visto che alla partenza era 18°.

“Un grandissimo ringraziamento a tutto lo staff, ai ragazzi della squadra e all’organizzazione del Giro per avermi garantito sicurezza dopo una violenta crisi che mi ha fatto cadere in un fossato…in salita”, ha scritto il francese sui social al termine di una giornata durissima, per tutti, ma per lui ancora di più. Caduto a nove chilometri dalla vetta della terribile salita alpina, il francese è stato soccorso dalla vettura medica, che gli ha somministrato un antiasmatico. Avendo dovuto aspettare circa dieci minuti per l’intervento del dottore e temendo di aver perso troppo tempo, il corridore è così ripartito subito, senza aspettare di sentire gli effetti del medicinale, trovandosi così tuttavia costretto a fermarsi nuovamente poco dopo.

In seguito ad un nuovo intervento e aspettato il tempo necessario, è riuscito a ripartire regolarmente per portare a termine la tappa, riuscendo così a rientrare nel tempo massimo concesso dall’organizzazione.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.