© Sirotti

Eolo-Kometa, Alessandro Fancellu investito da un auto in allenamento a Lugano: frattura dello scafoide, delle ossa del viso e contusioni multiple

Brutto incidente in allenamento per Alessandro Fancellu. Il corridore della Eolo-Kometa è stato investito mercoledì scorso in Svizzera da un automobilista che nell’affrontare una curva sul bagnato non ha visto il corridore e un altro gruppo di ciclisti, tagliando loro la strada e causando un frontale che aveva fatto temere il peggio ai presenti subito dopo l’incidente. Il classe 2000 è stato immediatamente trasportato all’ospedale di Lugano dove gli sono state diagnosticate delle piccole fratture nelle ossa del viso e una allo scafoide del polso destro, mentre sono state escluse le lesioni al ginocchio inizialmente ipotizzate dai medici. Il ventunenne è tornato oggi in Italia per sottoporsi a due interventi chirurgici a Bergamo.

“Ora sto molto meglio – ha subito rassicurato il corridore – Quello che mi fa più male è il mio viso, a volte un po’ la mia testa. Sta anche diventando meno difficile per me parlare, all’inizio era più difficile a causa di tutti i punti nel mio labbro. La cosa peggiore sono tutte le piccole fratture che ho nel cranio. La prima notte è stata molto brutta, non ho potuto dormire per niente a causa del dolore. Dalla seconda notte in poi ho iniziato a sentirmi molto meglio, ho potuto iniziare a mangiare e ho potuto dormire a lungo senza svegliarmi”

Il lombardo ha poi raccontato la dinamica dell’incidente, ringraziando anche tutti coloro che sono stati al suo fianco: “Non so ancora se andrò a Bergamo lunedì o domani, martedì, dove mi sottoporrò a un’operazione al polso e un’altra al naso. Dopo l’operazione, non so se dovrò passare qualche altro giorno in ospedale o meno. Questo resta da vedere. Voglio ringraziare tutte le persone che si sono interessate a me in questi giorni. Molte persone si sono preoccupate del mio stato di salute. Sono grato per questo. È stata un’esperienza difficile. Alcuni amici mi hanno detto che è come se fossi nato di nuovo, che poteva andare molto peggio… Non posso dirlo. È successo tutto molto rapidamente. Stavamo percorrendo una strada a doppio senso di marcia, una macchina veniva nella direzione opposta. In quel momento stava piovendo. Improvvisamente l’auto ha girato a sinistra e ci ha tagliato la strada. Sono stato il primo del gruppo e non ho avuto nemmeno il tempo di frenare. Ho colpito l’auto e sono stato sbalzato fuori dalla macchina. L’autista ha detto che non ci aveva visto”.

Per il corridore italiano si chiude nel peggiore dei modi una difficile stagione d’esordio tra i protagonisti, che lo vedeva comunque fermo ai box dallo scorso aprile, quando si era ritirato nel corso della quinta frazione del Tour of the Alps: “La stagione è finita. È stato un anno strano e difficile. Si tratta di guardare al futuro e pensare al 2022, che affronteremo con grande entusiasmo”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.