Incidente Paternoster, la versione di Letizia: “È successo tutto in fretta, non ho avuto tempo di capire”

Investita in allenamento, Letizia Paternoster ha vissuto attimi di paura. La ciclista della Trek-Segafredo è stata colpita da un’automobile durante il suo secondo giorno di lavoro dopo il termine della pausa estiva. Un episodio molto sfortunato, che ha portato l’atleta a sbattere violentemente la mano sinistra contro l’asfalto per proteggersi ed evitare guai seri al volto: l’impatto tuttavia le è costato una frattura dello scafoide, che la costringeranno a 30 giorni di riposo. Un tempo non particolarmente elevato vista la pericolosità dell’incidente, ma sicuramente prezioso nel periodo di preparazione invernale.

La trentina ha fatto sapere tramite il sito ufficiale del proprio team la dinamica dell’incidente, in cui non ha potuto accorgersi di cosa stesse accadendo: “È successo tutto così in fretta che non ho avuto tempo di capire. Ho solo reagito con la mia mano per proteggermi dalla caduta. Quando mi sono calmata ho visto che non avevo ferite alla testa, quindi mi sono concentrata sulla mano. Purtroppo i raggi x hanno confermato le mie cattive sensazioni“.

Paternoster è poi apparsa piuttosto scoraggiata dalla situazione, ma non è intenzionata a lasciarsi andare e pensa già al suo rientro: “C’è molta delusione, oggi era solo il mio secondo giorno di allenamento dopo il riposto estivo. Non è il modo migliore di iniziare la stagione, ma nonostante tutto voglio guardare avanti, pensare positivo e reagire. Una frattura alla mano non deve influenzare la mia preparazione per il 2020″.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.