© Sirotti

UAE Emirates, Ulissi: “Inizierò la stagione in Australia, punto Ardenne e Olimpiadi”

Diego Ulissi si prepara a essere protagonista anche nella prossima stagione. Il toscano ha conquistato tre successi nel 2019, tra cui nel test event preparato in vista delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Un risultato che dimostra il suo potenziale per la competizione dell’anno prossimo, in cui i migliori al mondo si giocheranno l’oro olimpico. Il corridore della UAE Team Emirates è stato un ottimo gregario anche al mondiale di questa stagione, in cui è stato tagliato fuori dalla lotta negli ultimi chilometri soltanto da un problema meccanico. Il classe ’89 ha parlato delle sue ambizioni in un’intervista esclusiva a SpazioCiclismo.

“È ancora un po’ presto sapere con precisione i miei obiettivi” ha dichiarato ai nostri microfoni “visto che non ho ancora ben definito il programma per la prossima stagione. Con la squadra nel corso del primo ritiro stagionale di dicembre prenderemo la decisione più importante, cioè se partecipare al Giro d’Italia o al Tour de France. Poi in base a quello vediamo di stendere un programma di gare. Di solito partecipo al Giro e il mio calendario è più o meno lo stesso, ma se decideremo di affrontare il Tour ci sarà qualche cambiamento. Per esempio, sarà molto probabile correre il Giro di Svizzera in preparazione alla corsa francese. Per il resto la mia stagione inizierà in Australia“.

Ulissi ha poi parlato della Liegi e delle classiche monumento: “Il mio obiettivo principale della primavera saranno come sempre le Classiche delle Ardenne. Ovviamente tra le classiche monumento la Liegi è la gara dei miei sogni sin da quando sono passato professionista: è molto dura e selettiva, ma spero di arrivare al 100% della mia condizione per provare a giocarmela, ma ogni monumento ha il suo fascino. Non ho mai fatto il Fiandre perché penso non sia adatto alle mie caratteristiche, per certe corse serve un fisico più possente e muscoloso”.

Infine il toscano riconosce l’importanza di Tokyo nei suoi sogni per la prossima stagione: “L’Olimpiade di Tokyo è un altro grande obiettivo, per me sarebbe straordinario anche solo prendervi parte. È una prova speciale e si disputa ogni 4 anni, quindi sarebbe un’esperienza indimenticabile. Ho vinto la corsa di prova del circuito, quindi posso dire che il percorso è molto duro ma è alla mia portata. Il Commissario Tecnico Cassani sa che sono aperto a qualsiasi ruolo, quindi ci terrei a esserci e sono pronto a sacrificare le ambizioni personali per aiutare la squadra a conquistare una medaglia“.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.