© Sirotti

Team Ineos, Froome accetta ufficialmente la maglia di vincitore della Vuelta a España 2011

Poco più di un mese fa, Chris Froome veniva ufficialmente proclamato vincitore della Vuelta a España 2011. Oggi, in un video pubblicato sui profili social della sua squadra, la Ineos, il corridore britannico ha finalmente potuto mostrare la Maglia Rossa di quella Vuelta di otto anni fa, assegnatagli dopo la squalifica di Juan José Cobo, che l’aveva vinta su strada, e “accettata ufficialmente” dal corridore britannico. Nel video, che potete vedere alla fine dell’articolo, il keniano bianco parla di quello che ha significato per lui quella Vuelta, che fu la corsa che per prima rivelò al mondo il suo talento.

Questo titolo, questa maglia rossa, significano davvero molto per me – esordisce Froome – Quella gara, nel 2011, è stata incredibilmente speciale. È stata la prima in cui ho iniziato a credere in me stesso come corridore da Grandi Giri; è stata la gara in cui ho conquistato la mia prima vittoria da professionista. Ho dei ricordi davvero speciali di quella corsa”.

“Essere proclamato vincitore dopo otto anni da una parte mi fa sentire strano – continua il britannico – ma, allo stesso tempo, è davvero speciale poterla aggiungere al mio palmares. Sarebbe stato diverso se l’avessi vinta allora, potendo salire sul podio a Madrid, potendomi godere la sensazione di essere il vincitore del mio primo Grande Giro ed essere inoltre il primo corridore britannico a vincere un GT (Bradley Wiggins infatti vinse il Tour de France l’anno dopo, ndr). Sarebbe stata una sensazione fantastica. Anche se mi è stato assegnata col senno di poi, è qualcosa che conserverò per il resto della mia vita“.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.