© Cor Vos

Jumbo-Visma, il ds Merijn Zeeman torna sui fatti del Giro di Polonia: ” Per mezz’ora ho pensato che Jakobsen fosse morto, avevo letto ‘Rip Fabio’ sui social”

Merijn Zeeman racconta come ha vissuto da ds alcuni episodi chiave, in positivo e in negativo, della stagione del team. Il ds della Jumbo-Visma, intervenuto ai microfoni di De Volkskrant ha parlato del successo di Wout Van Aert alla Milano-Sanremo (“l’ho vissuta come uno zombie, la prima Monumento della nostra storia”) e poi del terribile incidente del Giro di Polonia tra Dylan Groenewegen e Fabio Jakobsen. Un incidente che ha visto solo dalla tv non essendo sul posto, ricordando di aver pensato per alcuni momenti che il corridore della Deceuninck-QuickStep non ce l’avesse fatta, dopo aver letto dei terribili messaggi sui social.

“Sapevo che Dylan era partito troppo presto e che Fabio l’avrebbe superato – ha esordito – Poi ho visto che Dylan si è spostato dalla sua linea e ho visto quella terribile caduta. Peggiorava minuto dopo minuto. Ho contattato Frans Maassen, uno dei nostri direttori sportivi presenti in Polonia. Dylan era sotto choc, anche lui era caduto a una forte andatura, si era rotto la clavicola e aveva il corpo pieno di lividi. In quel momento non si era reso conto della rabbia popolare che si era scatenata. Per una mezz’ora ho pensato che Fabio fosse morto dopo aver letto ‘Rip Fabio’ sui social”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.