Il Lombardia 2019, Vincenzo Nibali ammette: “Mi si è spenta la luce, come a van der Poel”

Vincenzo Nibali non cerca scuse dopo la deludente prestazione a Il Lombardia 2019. Il cinquantacinquesimo posto finale del siciliano, condizionato anche da un contatto in gruppo, è l’emblema di quella che è stata la peggiore edizione della storia della classica delle foglie morte per i colori azzurri, con nessuno italiano nella top 15 (migliore degli italiani, comunque difesi dal ct Cassani, è stato Giovanni Visconti, giunto diciassettesimo sul traguardo). Lo scalatore della Bahrian-Merida, tuttavia, ha dichiarato ai microfoni della Gazzetta dello Sport di portare comunque a termine la corsa in segno di rispetto verso tutti quei tifosi che erano accorsi al traguardo solo per lui.

Mi si è spenta la luce, come a Van Der Poel – ha ammesso il secondo classificato all’ultimo Giro d’Italia facendo riferimento alla prestazione dell’olandese a Yorkshire 2019 – Volevo finire la corsa perché sapevo che il pubblico, nel bene o nel male, è sempre lì ad aspettarmi. Sono finito contro una borraccia che era scappata dalle mani di un altro corridore, ho colpito accidentalmente un corridore della Lotto-Soudal e sono finito vicino al marciapiede. Da lì ho cominciato ad avere dei crampi, ma non ci sono scuse, la verità è che avevo finito le energie”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.