© Mario Stiehl

Amstel Gold Race 2019, Fuglsang: “Errore tattico a causa di informazioni non chiare”

Terzo posto pieno di rammarico per Jakob Fuglsang all’Amstel Gold Race 2019. Il danese è riuscito a partire al momento giusto insieme a Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quickstep), insieme al quale ha guadagnato un ampio margine nei confronti del plotone. Con un vantaggio arrivato a sfiorare il minuto nella fase finale della corsa, il corridore dell’Astana sembrava doversi preoccupare soltanto del francese, e al più dei primi due inseguitori Michal Kwiatkowski (Team Sky) e Matteo Trentin (Mitchelton-Scott). Invece a sorpresa il gruppo, tirato dal poi vincitore Mathieu Van Der Poel (Corendon-Circus), è riuscito a rientrare proprio in vista della volata. Una beffa difficile da digerire per l’argento olimpico, già secondo alle Strade Bianche 2019.

Il classe ’85 al termine della gara ha dichiarato con una certa amarezza: “Posso essere soddisfatto di questo podio, ma speravo di ottenere di più. Io e Alaphilippe abbiamo commesso un errore tattico a causa di informazioni non chiare riguardo il nostro vantaggio sul secondo gruppo, quindi siamo rimasti sorpresi dal ritorno del gruppo. Ma come ho detto, posso essere contento per il mio sprint finale e per come mi sono sentito oggi. Mi dà grande fiducia per le prossime corse. Inoltre, la squadra ha lavorato molto bene oggi, cosa che rende più semplice correre in questo modo”.

Nel complesso Fuglsang non può nascondere un certo rammarico per come si è conclusa una corsa nella quale ha evidentemente accarezzato a lungo il sogno di vincere: “Per ora, penso ancora che abbiamo perso un’opportunità. Forse con il tempo sarò più soddisfatto del terzo posto”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.