Vuelta a España 2020, la Grande Partenza da Utrecht prende forma

I Paesi Bassi vogliono la Grande Partenza della Vuelta a España 2020. Dopo aver già ospitato l’inizio della corsa nel 2009 ad Assen, stavolta potrebbe toccare ad Utrecht, con il comitato locale che è già in discussioni con gli organizzatori di Unipublic. Un progetto che prende sempre più corpo, tanto che le prime tappe sarebbero già sostanzialmente delineate. Si partirebbe dunque con una crono cittadina, seguita da una tappa in linea con stessa partenza e arrivo, mentre la terza tappa partirebbe sempre dal capoluogo dell’omonima provincia per arrivare a Eindhoven.

Secondo quanto riporta WielerFlits, questa sarebbe dunque la novità degli ultimi giorni, visto che in precedenza le ipotesi più accreditate davano Breda come partner del progetto, che tuttavia ora sarebbe stata superata dalla città del Brabante, che avrebbe l’appoggio della provincia, con un arrivo nella zona dell’High Tech Campus, dove hanno sede Philips, IBM, Intel e Shimano, combinando così questo evento con l’High Tech Crit Festival, manifestazione che nascerà il prossimo anno.

Questo progetto non è comunque l’unico al vaglio degli organizzatori. Burgos ha infatti a sua volta proposto la propria candidatura per la partenza del 2020, così come era stata ventilato nei mesi scorsi anche una interessante idea di una Grande Partenza dalle Canarie, mentre anche il Portogallo, dove la corsa per la prima volta partì dall’estero nel 1997, da Lisbona, sembrerebbe essere interessato, anche se in questo caso non erano state ancora fatte proposte concrete riguardo una possibile edizione.

Vedi Anche

I 10 neopro’ più attesi del 2018, 10-9: Fabbro e Riabushenko

Come ogni anno, per alcuni corridori la prossima stagione sarà la prima nel ciclismo che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *