Nippo-Fantini-Europa Ovini, Pelosi: “Confermato le migliore pedine e inserito nuovi atleti per crescere”

Importanti cambiamenti in casa Nippo – Fantini – Europa Ovini. La formazione italo-nipponica si è fortemente rinnovata per il 2018, ma tiene salda la propria identità, sia in termini societari che di organico. I cambiamenti apportati sono dunque sostanzialmente intorno ad un’ossatura solida, che vuole fare da base per la ripartenza di un progetto che, gioco-forza, nel 2017 ha vissuto una annata particolare. Dall’arrivo di un nuovo presidente onorario nella figura di Gabriele Marchesani, il cui arrivo ha portato in dote al team anche una sua formazione u23 che farà da vivaio, ai numerosi giovani arrivati, tutti con contratti lunghi (anche di 3-4 anni per dare continuità al progetto), Francesco Pelosi ci illustra il nuovo progetto e le ambizioni della sua squadra nell’anno ormai iniziato.

L’invito al Giro d’Italia 2018 è importante, ma non è l’unico aspetto su cui ruoterà la stagione di un team che avrà in Marco Canola il grande capitano, accompagnando Damiano Cunego nei suoi ultimi mesi di carriera. Tra le grandi sfide, sicuramente grande attenzione alla Ciclismo Cup con un organico che non trascuri di far crescere i suoi giovani, ma costruito anche in funzione della coppa nazionale. Un successo in questa competizione permetterebbe maggiore serenità per l’anno successivo, con la possibilità di costruire e programmare ancor più di adesso nella realizzazione di un team professional che possa esprimere a pieno il compito “a volte grato, a volte ingrato” con i propri corridori.

Vedi Anche

Trek-Segafredo, la stagione di Brambilla tra Giro e Mondiale: “Farò di tutto per conquistare la maglia azzurra”

Gianluca Brambilla sta muovendo i primi passi in maglia Trek-Segafredo. Il 30enne corridore ha voltato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *