UAE Team Emirates, Juan Ayuso non correrà nessun GT nel 2022: “Non vado di fretta, meglio fare un passo alla volta”

Juan Ayuso si prepara alla sua prima stagione completa da professionista. Dopo aver dominato la scena a livello dilettantistico, con lo splendido successo al Giro U23 come fiore all’occhiello, e avere già mostrato primi sprazzi della sua classe cristallina anche tra i grandi, il gioiellino spagnolo vivrà nel 2022 un anno molto importante, ma non vuole accelerare troppo la sua maturazione. Classe 2002, il talentino iberico sembra già in grado di potersi giocarsela con i professionisti in alcune circostanze, ma alla UAE Team Emirates non vogliono correre troppo e preferiscono concedergli una crescita più graduale. In una squadra in cui conoscono bene come gestire e far emergere talenti precoci (vedi Tadej Pogacar), l’obiettivo è quello di bruciare un ragazzo che comunque avrà ampiamente modo di fare le sue prove a livelli importanti nel corso dell’anno che verrà, ma senza affrontare alcun grande giro.

“Con Joxean Matxin abbiamo deciso che potrebbe essere meglio aspettare un anno – spiega a Marca il 19enne iberico – Onestamente, io non ho fretta. Non mi mancheranno le opportunità e per questo preferisco fare un passo alla volta, con progressi regolari“. Trasferitosi negli Emirati da due settimane, Ayuso ha incontrato in questo periodo i suoi compagni e i vari tecnici della formazione (organigramma ufficializzato proprio oggi), cominciando a riprendere gli allenamenti, oltre ad aver partecipato ieri al Criterium del Giro d’Italia che si è svolto a Dubai, con la vittoria di Peter Sagan su Egan Bernal.

Per quanto riguarda il calendario nel complesso ancora non c’è un programma completamente definito, ma alcune linee guida sembrano già tracciate: “Più o meno comincio ad averlo chiaro, ma prima di tutto devo tornare ad allenarmi perché non ho toccato la bici per quattro settimane, quindi ho molto lavoro da fare – commenta – Non so se inizierò la stagione a Mallorca o a Valencia, ma a Valencia ci andrò sicuramente, così come in Andalusia. Sono tutte corse spagnole e questo mi dà grandi motivazioni. Solitamente mi risultano più difficili queste corse di inizio stagione, ma quest’anno spero di partire meglio per poter ottenere subito qualcosa“.

Super Top Sales Ekoï! Tutto al 60%: approfittane ora!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio
Tappa 13 Tour de France 2024 LIVEAccedi
+ +