© Sirotti

UAE Team Emirates, Brandon McNulty recrimina sullo stop: “È stato davvero deludente ma comprensibile”

Brandon McNulty è uno dei volti nuovi dell’UAE Team Emirates. Giunto nel WorldTour quest’inverno dalla Rally UHC, ha già dimostrato di essere a buoni livelli ad inizio 2020 concludendo al quarto posto la Vuelta a San Juan e al settimo la Vuelta a Andalucia. Passista scalatore con un futuro nei Grandi Giri, sembra essere a soli 22 anni un possibile erede di quei corridori che hanno fatto la storia delle corse a tappe, a partire da Greg Lemond. Vincitore del Giro della Sicilia l’anno scorso, prima del lockdown aveva designato la Vuelta a España 2020 come suo obiettivo principale.

Penso che sia giusto dire che la mia prima stagione nel World Tour sia stata a dir poco anormale! Con la stagione interrotta a metà dell’UAE Tour è stato un anno tumultuoso per tutti e mette davvero tutto in una diversa prospettiva” fa sapere. Racconta poi come sta vivendo questo periodo di stop: “Abbiamo tanti corridori da tutto il mondo, il che significa che stiamo tutti in quarantena in diversi paesi. Sono stato fortunato a essere riuscito a tornare negli Stati Uniti prima che le cose iniziassero a peggiorare, quindi al momento sono a casa con la mia famiglia e la mia ragazza a Phoenix, in Arizona. Ci è ancora permesso di uscire, quindi la vita non è drasticamente diversa a parte il non andare al ristorante o fare un giro al bar”.

Gli allenamenti quindi non sono andati male: “Durante l’inverno il tempo è perfetto qui, quindi sono stato in grado di avere una base di allenamento davvero solida che mi permetterà di essere in buona forma all’inizio dell’anno e di andare forte. Mi sono messo in mostra bene a San Juan e nella Ruta, quindi è stato davvero deludente che la stagione abbia dovuto fare una pausa, ma comprensibile“.

Ha pensato quindi per lo più a divertirsi: “Con così tanta incertezza nel programma delle corse, ho cercato di divertirmi e sono stato anche molto in mountain bike per mantenere il mio livello di forma. Il mio allenatore, Inigo San Milan, è stato eccezionale. Mi ha principalmente consigliato di divertirmi a pedalare e di non preoccuparmi troppo di un programma di allenamento strutturato“.

McNulty torna anche sulla decisione di scegliere come sua prima esperienza WorldTour la UAE Team Emirates: “È stata una decisione facile dopo aver visto il modo in cui i loro giovani corridori si sono messi in mostra la scorsa stagione”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.