Ineos Grenadiers, rivoluzione tecnica in corso: via tre storici direttori sportivi, in ammiraglia potrebbe salire Davide Bramati

Quella che sta volgendo alla conclusione è, a suo modo, una stagione storica per la Ineos Grenadiers. Per la prima volta dal 2014, infatti, la corazzata britannica non porterà a casa neppure un Grande Giro, visto che a trionfare sono state la Bora-Hansgrohe (con Jai Hindley al Giro d’Italia 2022), la Jumbo-Visma (con Jonas Vingegaard al Tour de France 2022) e la Quick-Step Alpha Vinyl (con Remco Evenepoel alla Vuelta a España 2022). Una sconfitta a tutti gli effetti per una squadra che, nel recente passato e con le sue varie denominazioni, ha saputo dominare la scena e che nel 2022 ha dovuto fare i conti con diversi problemi che hanno riguardato i suoi specialisti da corse a tappe.

Così, mentre Dave Brailsford pensa, in maniera neanche troppo nascosta, a Evenepoel, in casa Ineos si dà il via a una ristrutturazione dei quadri tecnici. Secondo quel che riporta Het Laatste Nieuws, la realtà britannica saluterà tre direttori sportivi “storici”, ovvero Servais Knaven, Gabriel Rasch e Brett Lancaster. Il neerlandese Knaven è in servizio dal 2011, l’austriaco Rasch si è unito alla squadra nel 2014, mentre l’australiano Lancaster è entrato nei quadri nel 2016.

Secondo gli spifferi di CicloMercato, sull’agenda di Brailsford ci sarebbero, come sostituti, i nomi del britannico Ian Stannard e dell’italiano Davide Bramati. Stannard è stato corridore di quella che in passato si chiamava Sky dal 2010 al 2020 e ora è ds alla Trinity Racing. Il lombardo Bramati, 54 anni, è a dir poco una storica colonna di quella che ora è la Quick-Step Alpha Vinyl, dove lavora come direttore sportivo dal 2006, anno in cui concluse la sua carriera da corridore.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Back to top button