© Sirotti

Bardiani-CSF, Tonelli: “Spero di correre il Giro, la Ciclismo Cup è diventata meno importante”

Alessandro Tonelli si prepara a correre la Tirreno-Adriatico 2019. Il ciclista della Bardiani-CSF è stato inserito dalla propria squadra nella selezione della corsa dei due mari, che si correrà da domani 13 marzo al 19. Come ormai abitudine, l’obiettivo del #GreenTeam sarà andare all’attacco il più possibile, entrando in numerose fughe per mostrare i colori della divisa e magari conquistare una delle altre classifiche, come quella dei traguardi volanti o dei GPM. Il classe ’92 ha iniziato la propria stagione al Laigueglia per poi andare alla Vuelta a Andalucia e al GP Larciano, in cui ha affinato la propria condizione in vista degli appuntamenti successivi. Dopo il successo nella quarta tappa del Giro di Croazia 2018, finora l’unico da professionista, il 26enne vuole lasciare il segno anche su questa stagione.

Il bresciano ha parlato in esclusiva ai microfoni di SpazioCiclismo prima della partenza della classica toscana: “Sono uscito in crescendo dall’Andalucia di due settimane fa e mi sono allenato bene a casa, la condizione è buona. Dopo la Tirreno-Adriatico correrò la Milano-Sanremo e il Giro di Sicilia in preparazione di maggio, nella speranza di correre il Giro d’Italia. Non sappiamo ancora chi lo farà, come sempre andranno i migliori ma lo sapremo all’ultimo. Noi dobbiamo metterci in mostra, se andassi al Giro proverei a farmi vedere in fuga, che è un po’ la mia specialità”.

Tonelli ha poi riconosciuto come il nuovo regolamento della Ciclismo Cup tolga appeal alla competizione, eliminando il premio della Wild Card al Giro per la squadra con più punti: “Il Giro d’Italia è l’obiettivo più grande per la squadra, già parteciparci è sempre molto importante. Abbiamo accolto la notizia con grande entusiasmo, siamo molto contenti e si percepisce nell’ambiente. Fino all’anno scorso per una Continental Pro la Ciclismo Cup era molto importante, garantiva la partecipazione al Giro d’Italia. Da quest’anno un po’ meno, ma è sempre un onore poter dire di aver vinto la classifica ed essere stati la migliore squadra e di aver vinto il campionato italiano. La differenza si sentirà soprattutto a fine stagione, quando bisogna fare punti per essere davanti. Di sicuro ora sentiremo meno pressione“.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Crea la tua squadra ideale per la 11ª tappa del Giro 2019 e vinci 78€!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.