© Sirotti

Italia, Davide Cassani: “Il nostro ciclismo sta abbastanza bene, è ancora un movimento di riferimento. Sono contento di quanto abbiamo fatto a Trento”

Si avvicina la fine dell’incarico come CT dell’Italia per Davide Cassani. Come noto, infatti, dopo i Campionati Mondiali nelle Fiandre 2021 l’ex corridore e commentatore Rai lascerà le redini della nazionale, che sotto alla sua guida ha conquistato, limitandosi alla strada, quattro titoli europei consecutivi dal 2018 a oggi, un argento mondiale con Matteo Trentin nel 2019 e un oro nella crono con Filippo Ganna lo scorso anno. Il nome del successore del 60enne non è ancora noto, così come non è ancora stato stabilito il nuovo ruolo che, a partire dal 2022, andrà a ricoprire Cassani, che ha parlato dello stato del ciclismo italiano e di altri argomenti in un’intervista al Corriere di Bologna.

Il nostro ciclismo sta abbastanza bene, è ancora un movimento di riferimento – ha dichiarato il CT – Se poi andiamo indietro di 30-40 anni, è naturale che la situazione non sia più la stessa. Il mondo è cambiato, oggi i campioni arrivano da tutto il mondo. Per questo sono contento di quanto abbiamo fatto a Trento“.

In Trentino è arrivato il quarto titolo europeo in quattro anni grazie a Sonny Colbrelli, corridore su cui Cassani punta anche per il Mondiale: “Come ha fatto domenica, può vincere corse importanti di un giorno. È maturato tardi, ha ora trovato l’equilibrio psicofisico, ci ha messo impegno e costanza. Domenica ha mostrato freddezza e senso tattico non indifferenti, nulla gli è precluso“.

Importante per il successo di Colbrelli è stato anche Matteo Trentin: “Matteo è stato un regista perfetto: quando in corsa ho lui, io mi sento tranquillo. Abbiamo vinto da squadra e ai mondiali in Belgio andremo con quello stesso spirito“.

Nel futuro dell’ex commentatore Rai potrebbe esserci una academy per i giovani corridori: “In questi otto anni ho sempre sostenuto che bisogna lavorare con i giovani, il nostro futuro e la base del nostro movimento”.

Infine, un ricordo di un grande campione italiano, Marco Pantani: “La sua foto sul traguardo di Montecampione è il ritratto del sollievo dopo la fatica e la sofferenza. Non a caso, diceva di andare forte in salita per abbreviare l’agonia. È stato un fenomeno, ma forse non siamo riusciti a capire fino in fondo chi fosse Marco Pantani“.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.