© Getty Sport

Yorkshire 2019, Elia Viviani rinuncia: “Non sono Superman, non potrei arrivarci al massimo della condizione”

Elia Viviani non sarà al via delle prova in linea dei campionati mondiali di Yorkshire 2019. Il corridore veronese, fresco di vittoria ai campionati europei di Alkmaar 2019, ha ammesso in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport che il percorso è troppo duro per le sue caratteristiche e soprattutto che, visto l’ottimo stato di forma attuale (oltre ai campionati europei, ha trionfato anche alla Prudential RideLondon-Surrey Classic) sarebbe impossibile arrivare a fine settembre ancora con il picco massimo di condizione. Tali ragioni hanno quindi spinto il corridore della Deceunick-Quick Step, che pure lo scorso aprile era andato in ricognizione sul percorso con alcuni compagni, a rinunciare ai mondiali e a concentrarsi sull’EuroEyes Classic di Amburgo e sulla Bretagne Classic Ouest-France per questo finale di stagione.

“Non sono Superman. È una sorta di “vorrei, ma non posso”- ha commentato il campione di Isola della Scala- Sarebbe stupido pensare di poterci arrivare al massimo della condizione. Proverò a continuare ad andar forte fino ad Amburgo e Plouay, che posso vincere di nuovo”.

L’ex campione nazionale italiano ha poi individuato in Matteo Trentin il più probabile leader della spedizione italiana nello Yorkshire prima di rivelare i suoi programmi per il finale di stagione: “A ottobre e novembre ci saranno gli europei su pista e poi il primo round della coppa del mondo in preparazione a Tokyo 2020”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.