Prudential RideLondon 2019, grande vittoria di Elia Viviani! Battuto Sam Bennett

Parla finalmente italiano la Prudential RideLondon 2019. A conquistare la vittoria è stato infatti Elia Viviani, alla settima vittoria stagionale, che si prende così la rivincita nella corsa londinese, dopo il secondo posto dello scorso anno. Il veronese della Deceuninck-Quickstep, indicato da molti come il favorito, nonostante il percorso di quest’anno fosse stato indurito, ha battuto l’irlandese Sam Bennett (Bora-hansgrohe), anche lui dato tra i favoriti della vigilia, e il compagno di squadra Michael Morkov, bravissimo come sempre nelle ultime centinaia di metri a guidare Viviani alla vittoria. Tra i primi dieci, da segnalare anche la buona sesta posizione di Giacomo Nizzolo (Dimension Data).

Pronti via e iniziano subito gli scatti per evadere dal gruppo, ma la fuga impiega diversi chilometri prima di riuscire a formarsi. Alla fine riescono ad andarsene in tre, Alex Dowsett (Katusha-Alpecin), Pascal Eenkhoorn (Jumbo-Visma) e Stan Dewulf (Lotto-Soudal), che riescono subito a guadagnare un buon vantaggio sul gruppo, dal quale nel frattempo fuoriesce Julien Vermote (Dimension Data). Il belga non riesce però ad avvicinarsi ai tre davanti e viene presto riassorbito dal plotone, guidato da Deceuninck-Quickstep e Bora-hansgrohe. La fuga intanto arriva ad avere tre minuti e mezzo di vantaggio quando inizia la prima delle cinque ascese a Box Hill.

La situazione non cambia poi molto durante la seconda ascesa, mentre durante la terza avviene un deciso cambio di ritmo nel gruppo, con la Mitchelton-Scott determinata a rendere più dura la corsa. L’accelerazione dà i suoi frutti, con alcuni corridori che iniziano a staccarsi e, tra questi, il nome più importante è certamente quello di Caleb Ewan (Lotto-Soudal), mentre il vantaggio dei fuggitivi cala di conseguenza. Durante il quarto passaggio su Box Hill si accende ulteriormente la bagarre, con Mike Teunissen (Jumbo-Visma) e Casper Pedersen (Sunweb) che provano ad avvantaggiarsi, arrivando in fretta a guadagnare un minuto sul gruppo.

Sul quinto e ultimo passaggio della salita Dowsett cede e rimangono perciò in due davanti, mentre il plotone non lascia spazio ai contrattaccanti e li va a riprendere appena finita la discesa. Nel tratto pianeggiante che porta sino al finale, Dewulf decide di andarsene da solo, ma le squadre dei velocisti non lasciano scampo e lo vanno facilmente a riprendere quando mancano una quindicina di chilometri alla conclusione. A quel punto inizia la grande bagarre in vista dello scontato sprint, che viene anticipato però da una brutta caduta avvenuta a due chilometri dal traguardo. I corridori rimasti in piedi si presentano così sul rettilineo finale, dove è perfetto Morkov nel lanciare Viviani verso la vittoria, davanti a Bennett.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.