© ASO

Parigi – Nizza 2017, nessun rimpianto per Gilbert: “Da solo era impossibile”

Tra i più coraggiosi oggi senza dubbio Philippe Gilbert. Il più determinato tra gli attaccanti nella seconda tappa della Parigi – Nizza 2017 si è arreso negli ultimi dieci chilometri, sconfitto dal vento frontale che rendeva impossibile un’azione solitaria. Una bella prova comunque per il corridore della Quick-Step Floors, che ha approfittato di una tappa dura soprattutto per le condizioni metereologiche per allenarsi in vista di quanto potrebbe poi succedere nelle grandi classiche del nord a cui punta. Dopo essersi diretto subito al bus della squadra per una doccia calda, il belga si è affacciato per rispondere a qualche domanda dei giornalisti presenti.

Era una tappa molto pericolosa – spiega – Bisognava stare molto attenti, sempre davanti, ma inizialmente son rimasto fregato nel secondo gruppo. Fortunatamente siamo rientrati e ho deciso di attaccare per riprendere i fuggitivi. Gli ultimi dieci metri sono stati durissimi, ero al limite. Per me già quello è stato uno sforzo molto violento”.

Se l’azione sembrava buona, qualcosa non ha funzionato con l’intesa che è venuta a mancare vista la presenza di alcuni nomi importanti, troppo temuti probabilmente. “Penso che con Maarten Wynants e Tony Gallopin saremmo potuti andare più veloci, ma due corridori non tiravano – commenta – Sono cose che destabilizzano sempre il gruppo, quindi ho deciso di provarci da solo“. L’azione era stata ben calcolata nei tempi e in base al percorso, ma la variabile del vento ha reso ancor più difficile una impresa già ardua. “Pensavo che nel circuito finale ci sarebbe stato vento laterale, invece era o frontale o alle spalle – spiega – Negli ultimi dieci chilometri era sempre frontale, da solo era impossibile. Ci ho provato, ma non c’era niente da fare”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.