Il Lombardia 2018, Majka: “Chapeau a Pinot, io speravo di salire almeno sul podio”

Rafal Majka è stato tra i più brillanti in corsa oggi a Il Lombardia 2018. Incapace di seguire lo scatto di Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) e Thibaut Pinot (Groupama-FDJ) sul Muro di Sormano, il portacolori della Bora-Hansgrohe si è giocato le sue residue chance sulla salita del Civiglio, quando si è mosso per secondo dopo un tentativo operato da Daniel Martin (UAE Emirates Team). Riuscito a rientrare sull’irlandese e dopo aver messo nel mirino un Nibali ormai in difficoltà, però, il polacco è stato raggiunto da un drappello comprendente Ion Izagirre, Domenico Pozzovivo (Bahrain-Merida), Dylan Teuns (BMC Racing Team), Tim Wellens (Lotto Soudal) e Rigoberto Uran (EF-Drapac Cannondale) e si è dovuto accontentare del settimo posto sul traguardo di Como.

“È stata una corsa davvero molto veloce – ha analizzato ai microfoni di Cyclingpro.net – la media è stata elevata sin dall’inizio ed è sorprendente. Ho provato a fare del mio meglio, grazie anche ai miei compagni di squadra, ma era oggettivamente difficile fare di più. Nel finale c’erano tre uomini della Bahrain-Merida in un gruppo di sette e non era semplice attaccare o provare a creare distacchi. Per me e per la squadra è un buon risultato per chiudere la stagione, mi sarebbe piaciuto salire sul podio ma questo è il ciclismo. Sono rimasto sorpreso dalla distanza dalla quale hanno attaccato. Chapeau a Pinot, è stato fortissimo oggi e ha dimostrato di meritare il successo”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.