Bruges-De Panne 2019, Viviani non si scompone: “Ho trovato due corridori più veloci, ma la Gand-Wevelgem è un’altra storia”

Elia Viviani non è riuscito a centrare la doppietta nella Bruges-De Panne 2019. A segno nella passata stagione, il velocista della Deceuninck-Quick Step non è andato oltre il terzo posto nella volata vinta nettamente da Dylan Gronewegen (Team Jumbo-Visma), finendo dietro anche all’ex compagno di squadra Fernando Gaviria (UAE Team Emirates). Ben pilotato da Morkov nel finale, il campione italiano è stato il primo tra i favoriti a lanciare lo sprint ma è stato superato a doppia velocità sul lato opposto della carreggiata dal neerlandese, facendo così accendere un piccolo campanello d’allarme sul suo effettivo stato di forma a quattro giorni dal mezzo passo falso della Milano-Sanremo, quando non è riuscito a tenere il passo dei migliori sulla salita del Poggio.

“Il piano era quello di controllare la corsa e i ragazzi lo hanno fatto benissimo. Purtroppo abbiamo perso Sénéchal prima del finale – ha dichiarato lo sprinter veronese dopo il traguardo – in quella caduta e questo ci ha costretto a cambiare i piani. A quel punto Jungels ha fatto una tirata lunghissima quando siamo entrati nell’ultimo chilometro, poi Morkov mi ha lanciato alla perfezione e io sono partito a 175 metri dal traguardo. Purtroppo oggi c’erano altri due corridori più veloci. Comunque, salire sul podio di una corsa WorldTour non è così male e questo risultato dimostra che le gambe ci sono in vista della Gand-Wevelgem di domenica”.

Il campione olimpico in carica nell’Omnium fa comunque trasparire sicurezza sulla sua condizione in vista della Gand-Wevelgem di domenica, nella quale andrà a caccia di quella vittoria che solo uno scaltro Peter Sagan (Bora-hansgrohe) gli negò un anno fa: “Sono stati semplicemente più veloci di me oggi. La mia squadra è stata impeccabile. Io sono uscito bene dall’ultima curva e sono partito al momento giusto. Né troppo presto né troppo tardi, ma oggi non potevo fare meglio che questo terzo posto. Non significa niente per la Gand-Wevelgem. È una corsa molto diversa e dieci volte più dura rispetto a quella odierna”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.