© Bora-hansgrohe / BettiniPhoto

Bora-Hansgrohe, Peter Sagan: “Mathieu van der Poel deve imparare a usare la testa”

Arrivano consigli illustri per Mathieu van der Poel dopo la débâcle iridata a Yorkshire 2019. In un’intervista al quotidiano olandese Algemeen Dagblad è stato addirittura il tre volte campione del mondo Peter Sagan a spendere delle parole di supporto per il vincitore della Amstel Gold Race, consigliandogli quale condotta di gara tenere nei prossimi anni. Secondo lo slovacco della Bora-Hansgrohe, infatti, ora che il corridore della Corendon-Circus è diventato uno degli uomini più temuti in gruppo, quest’ultimo non potrà limitarsi ad agire d’istinto e dovrà imparare a correre in maniera più razionale, lasciandosi alle spalle anche molti dei modi di agire che si porta dietro dal ciclocross.

“Forse era troppo motivato. Ha tentato un azzardo e ne ha pagato il prezzo. Deve usare la testa, non si può sempre correre basandosi sull’istinto. All’inizio è più facile, perché nessuno sa di cosa sei capace. Vincere una volta è facile, poi vinci la seconda, la terza, la quarta volta. Lì comincia a diventare complicato. Le cose cambiano quando sei stato in grado di vincere una corsa importante. In quel momento diventi il favorito e hai tutti gli occhi addosso e tutta la pressione su di te. Dopotutto, c’è una grande differenza tra la strada e il ciclocross e la mountain bike. Nei circuiti devi dare il massimo per un’ora, su strada invece conta l’esperienza. Deve imparare a usare la testa”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.